• Trentino – Alto Adige
  • Valle d’Aosta
  • Groenlandia
  • Isole Faroe
  • Isole Lofoten
  • Isole Svalbard
  • Portogallo & Azzorre
  • Regno Unito
  • Repubblica Ceca
  • Spagna & Canarie
  • Argentina & Patagonia
  • Cile & Patagonia
  • Emirati Arabi
  • Russia & Siberia
  • Yemen & Socotra
  • Nuova Zelanda
  • Viaggia con noi
  • Photo Gallery

Un viaggio, infinite emozioni

Come organizzare un viaggio e Safari in Kenya: La guida completa!

' src=

Come organizzare un viaggio e safari in Kenya ? Ve lo raccontiamo passo per passo in questa piccola guida. Il nostro amore incondizionato verso la natura e gli animali ci ha portati a voler organizzare un safari in Kenya per avere la possibilità di fotografare i famosi Big 5 nel loro habitat naturale . Sembrerà strano sentircelo dire, o meglio leggerlo da noi, ma lo confessiamo: l’Africa è stato il nostro primo grande amore e occupa sempre un posticino speciale nel nostro cuore. Un posticino caldo in mezzo ad un mare di iceberg e ghiaccio.

Siamo stati diverse volte in Africa e diverse altre ci torneremo. L’Africa è una terra meravigliosa, una di quelle terre che o la si ama o la si odia . Una di quelle terre che non vanno capite, perché rischiereste di tornare a casa con l’amaro in bocca. L’Africa va abbracciata a cuore aperto e va vissuta a pieni polmoni , minuto dopo minuto. sorriso dopo sorriso. In Africa devi avere pazienza, tanta pazienza, devi metterti l’anima in pace e adeguarti al ritmo lento della vita, al ‘pole pole’. L’Africa è in grado di donarvi tutta se stessa, se le donerete la parte più bella di voi.

In questo articolo vogliamo aiutarvi ad organizzare un safari in Kenya fai da te nel migliore dei modi , dandovi anche qualche informazione utile per organizzare un viaggio in Kenya in autonomia .

Documenti necessari per un viaggio in Kenya

  • Assicurazione sanitaria 1. Norme igieniche

Quando organizzare un viaggio e safari in Kenya

Quale parco nazionale scegliere per un safari in kenya, quanto costa un safari in kenya.

  • Clima e fuso orario in Kenya

Abbigliamento per un safari in Kenya

Come arrivare in kenya, dove dormire in kenya, come spostarsi in kenya, banche, pagamenti e costo della vita.

  • Elettricità e prese elettriche, telefonia ed internet

Come organizzare un viaggio e Safari in Kenya: informazioni utili e quando andare!

Viaggio e Safari in Kenya: leone

Per un viaggio in Kenya è necessario essere in possesso del passaporto , con validità residua di almeno sei mesi al momento della richiesta del visto e una pagina interamente bianca dove verrà apposto il visto d’ingresso. Bisogna essere in possesso anche di un biglietto aereo di andata e ritorno e, all’arrivo nel paese, verrà apposto sul passaporto un timbro riportante la durata del soggiorno . Vi consigliamo di controllare che i dati inseriti siano corretti in modo da poterli fare modificare subito in caso di errori. Se viaggerete con minori al seguito anche loro dovranno essere muniti di un proprio documento di viaggio individuale (passaporto).

Per entrare in Kenya è inoltre necessario il visto d’ingresso turistico valido per uno o tre mesi e rinnovabile fino a sei mesi. Il visto costa 50 dollari americani o 40 euro ed è possibile richiederlo online sul sito evisa.go.ke . Se dovete solamente transitare in Kenya dovrete munirvi di un visto di transito della durata di 72 ore al costo di 20 dollari americani. Potete richiederlo sempre sul sito evisa.

Inoltre al momento della partenza dal Kenya bisogna pagare una tassa di uscita di circa 20 euro .

Safari in Kenya: leoni

Se desiderate noleggiare l’auto vi servirà la patente internazionale (convenzione di Ginevra o di Vienna) . La patente internazionale va richiesta in motorizzazione presentando, oltre alla patente di guida in corso di validità, i seguenti documenti:

  • modello di richiesta TT746 (che potete trovare presso gli uffici) compilato e firmato
  • attestazione del versamento di € 10,20 sul c/c 9001 (bollettino prestampato che potete trovare in posta o in motorizzazione)
  • attestazione del versamento di € 16,00 sul c/c 4028 (bollettino prestampato che potete trovare in posta o in motorizzazione)
  • una marca da bollo da € 16,00
  • due fototessere recenti, di cui una autenticata . Potete farla autenticare direttamente allo sportello se siete voi a richiederla personalmente.
  • fotocopia fronte e retro della patente di guida in corso di validità e della tessera sanitaria.

Per maggiori informazioni vi rimandiamo al nostro articolo Come richiedere la patente internazionale: convenzione di Ginevra e Vienna .

Safari in Kenya: rinoceronte

Assicurazione sanitaria

La situazione sanitaria è un po’ un punto dolente durante l’organizzazione di un viaggio e safari in Kenya. Come sempre vi consigliamo prima di tutto di controllare il sito ViaggiareSicuri dove trovate tutti gli aggiornamenti sanitari e non utili da sapere prima di partire. Non ci sono vaccinazioni obbligatorie da fare prima di partire e noi non ne abbiamo fatte, più che altro per paura delle conseguenze causate dalle vaccinazioni consigliate che, ad alcuni nostri compagni di viaggio, sono costate malanni e ricoveri in ospedale. Tra le vaccinazioni consigliate da fare prima di partire ci sono:

☀︎ Profilassi antimalarica : la malaria è diffusa soprattutto nelle zone costiere o nei parchi e il rischio di contrarla è più alto soprattutto durante la stagione delle piogge e immediatamente dopo. È consigliabile, dopo aver consultato il medico, fare una profilassi preventiva che solitamente inizia la settimana prima di partire e si protrae anche durante il soggiorno. È inoltre consigliabile adottare misure preventive contro le punture di zanzare, i principali vettori della malattia, come ad esempio portare abiti lunghi e buoni repellenti.

☀︎ Antiepatite A e B , Antifica

☀︎ Vaccino inattivato (IPV) contro la poliomelite : da effettuare almeno 4 settimane prima del viaggio.

Noi non siamo medici e riportiamo solamente la nostra esperienza, perciò vi consigliamo di consultarvi con il vostro medico curante prima di partire che saprà sicuramente indirizzarvi verso la scelta giusta da fare.

Safari in Kenya: lucertola

Durante il nostro viaggio in Kenya, così come in tutti gli altri viaggi, la nostra farmacia portatile era così composta: un antibiotico adatto a tutto (Augmentin), imodium, tachipirina e un antidolorifico generico (Efferalgan o Brufen). Cerotti e salviette disinfettanti per eventuali piccole ferite.

In Kenya l’assistenza sanitaria è a pagamento e i costi delle cure di livello europeo e degli eventuali rimpatri sanitari sono elevatissimi. Nel caso di ricovero o di interventi urgenti, le strutture medico-ospedaliere richiedono tassativamente la garanzia di copertura delle spese di degenza mediante carta di credito oppure un’assicurazione sanitaria. Per questo vi consigliamo di stipulare una polizza assicurativa prima di partire che copra tutte le spese mediche e l’eventuale rimpatrio aereo.

Noi utilizziamo da tanti anni l’ assicurazione annuale Mondo offerta dalla Columbus  e fino ad ora ci siamo sempre trovati bene. Potete fare un preventivo gratuito con il preventivatore presente nella barra qui accanto o in fondo alla pagina se state leggendo da cellulare. Oppure potete andare sul sito di Columbus Assicurazioni ed inserire il codice sconto TBG045 . In entrambi i modi riceverete il 10% di sconto riservato ai nostri lettori.

Safari in Kenya: uccellino

Norme igieniche

Come in molti altri paesi del Mondo, anche in Kenya per evitare infezioni gastro intestinali è sconsigliabile mangiare cibi e verdure crude e frutta , anche negli hotel e nei ristoranti, lavarsi i denti o bere acqua dal rubinetto o bevande contenenti del ghiaccio ed evitare di mangiare street food . Lavate sempre le mani prima di mangiare e preferite bevande sigillate e cibi ben cotti.

Spesso e volentieri noi non seguiamo nessuna di queste ‘regole’, in quanto ci piace mangiare di tutto quando viaggiamo, e fino ad ora ci è sempre andata bene, ma abbiamo visto e conosciamo gente che è stata davvero male dopo aver mangiato frutta con piccoli parassiti quasi invisibili o cibo rimasto all’aria aperta o sotto al sole per chissà quanto tempo.

Safari in Kenya: Tribù Masai

Le stagioni sono divise in due : da Ottobre a Marzo soffiano i venti caldi e secchi dall’Arabia, mentre da Aprile a Settembre soffiano i venti più freschi e umidi dall’Oceano Indiano. Inoltre ci sono due stagioni delle piogge : indicativamente da Marzo a Maggio si ha la stagione delle grandi e lunghe piogge, mentre da Ottobre a Dicembre si ha la stagione delle brevi piogge. Le piogge solitamente sono concentrate durante il pomeriggio e la sera e avvengono sotto forma di temporale o rovesci. La stagione più calda in generale va da Gennaio ad Aprile , mentre sulla costa i mesi migliori sono Agosto e Settembre , i meno caldi.

Il periodo migliore per organizzare un viaggio e per fare un safari in Kenya è quello che va da Giugno a Settembre circa . In questo periodo è possibile ammirare la grande migrazione degli gnu che dal Serengeti in Tanzania si spostano al Masai Mara in Kenya.

Safari in Kenya: Tribù Masai

In Kenya i parchi naturali più conosciuti dove poter fare un safari sono tre:

☀︎ Tsavo, diviso in East e Ovest : è il Parco Naturale più grande di tutto il Kenya ed è diviso in Tsavo East e Tsavo Ovest. Nonostante la sua grandezza si riesce a vedere una grandissima quantità di animali e, con un po’ di fortuna, anche i Big 5 ! Noi siamo stati in entrambi i parchi e siamo stati super fortunati, abbiamo visto tutti i Big 5 e una grande quantità di leoni e leonesse , per non parlare di iene, zebre, giraffe, elefanti, impala. Il paesaggio è meraviglioso e da solo vale tutto il tempo trascorso sulla jeep sotto al sole cocente. Gustarsi un tramonto nella savana osservando un branco di zebre pascolare liberamente è un’emozione che difficilmente dimenticheremo.

Date un’occhiata alle seguenti escursioni guidate in inglese per organizzare un safari nei parchi Tsavo Est e Ovest: 1. Safari di 6 giorni ad Amboseli, Tsavo East e Tsavo West (da Mombasa) 2. Safari nel Parco Nazionale di Tsavo East (da Diani Beach – 12 ore)

Safari in Kenya: leonessa

☀︎ Amboseli : si trova al confine con la Tanzania ed è incoronato dal Monte Kilimanjaro, la vetta più alta dell’Africa. L’Amboseli è uno dei parchi più famosi del Kenya. Il nome Amboseli deriva da una parola Maasai che significa polvere salata ed è uno dei posti migliori in Africa per vedere da vicino grandi mandrie di elefanti . E noi non possiamo fare altro che confermare! Non sappiamo descrivervi la grande quantità di elefanti africani, alcuni con cuccioli al seguito, che abbiamo avuto la fortuna di ammirare durante il safari in questo Parco Nazionale. Durante questo safari potete anche visitare la comunità locale di Masai che vive intorno al parco.

Date un’occhiata alle seguenti escursioni guidate in italiano o in inglese per visitare il Parco Nazionale di Amboseli (e non solo): 1. Safari di 6 giorni ad Amboseli, Tsavo East e Tsavo West (da Mombasa) 2. Safari di 6 giorni a Masai Mara, Amboseli e al lago Naivasha (da Nairobi – in italiano) 3. Safari al Parco Nazionale di Amboseli (da Nairobi – 12 ore) 4. Safari di 2 giorni al Parco Nazionale di Amboseli (da Nairobi – in italiano) 5. Safari di 3 giorni al Parco Nazionale di Amboseli (da Nairobi – in italiano) 6. Safari privato di 6 giorni a Masai Mara, Amboseli e lago Naivasha (da Nairobi – in italiano) 7. Giro in mongolfiera ad Amboseli (da Amboseli – 3 ore)

Safari in Kenya: elefantessa con cuccioli

☀︎ Masai Mara : è la Riserva Naturale più grande del Kenya e forse la più bella in cui fare un safari di più giorni. Si trova in una grande prateria attraversata dalla Great Rift Valley. Ospita circa un centinaio di specie di mammiferi, anfibi e rettili, e più di 400 specie di uccelli. È famosa per la grande migrazione di milioni di gnu che ogni anno tra Giugno e Settembre migrano dal Serengeti in Tanzazia al Masai Mara e viceversa in autunno. Nel parco sono presenti tutti i Big 5 , ovvero leoni, leopardi, elefanti, rinoceronti e bufali, sono presenti inoltre tantissime zebre , giraffe , antilopi , impala , ghepardi, rinoceronti e ippopotami , numerosi nel fiume Mara e nel fiume Talek.

Date un’occhiata alle seguenti escursioni guidate in italiano o in inglese per organizzare un safari nel Masai Mara: 1. Safari di 6 giorni a Masai Mara, Amboseli e al lago Naivasha (da Nairobi – in italiano) 2. Safari privato di 6 giorni a Masai Mara, Amboseli e lago Naivasha (da Nairobi – in italiano) 3. Safari di 2 giorni a Masai Mara (da Nairobi) 4. Safari di 3 giorni nella riserva di Masai Mara (da Nairobi – in italiano) 5. Safari di 5 giorni a Masai Mara, Lago Nakuru e Parco Nazionale Aberdare (da Nairobi) 6. Giro in mongolfiera a Masai Mara (dal parco – 4,5 ore) 7. Se desiderate sposarvi in Kenya, potrebbe interessarvi questo Matrimonio masai con rito tradizionale (dal parco – 12 ore)

Safari in Kenya: bufali

☀︎ Lake Nakuru : è l’oasi verde nella Rift Valley. Lake Nakuru significa letteralmente Lago Polvere ed è immerso nel particolare scenario verdeggiante di questo parco, che varia da ampie distese di prati a fitte foreste. All’interno del parco è possibile avvistare babbuini, zebre, gnu, bufali, antilopi, giraffe, fenicotteri rosa nel lago e tutti i Big 5. Questa riserva è inoltre l’ unico posto dove è possibile vedere il rinoceronte bianco , una specie in via d’estinzione.

Date un’occhiata alle seguenti escursioni guidate in inglese per organizzare un safari nel Masai Mara: 1. Safari di 5 giorni a Masai Mara, Lago Nakuru e Parco Nazionale Aberdare (da Nairobi) 2. Escursione privata al lago Nakuru (da Nairobi)

Safari in Kenya: zebra che beve

Iniziamo con il dirvi che un safari in Kenya è tutt’altro che economico , soprattutto se si viaggia da soli e non si ha nessuno con cui dividere le spese dell’auto. Per questo motivo vi consigliamo di aggregarvi sempre a dei gruppi organizzati a cui potete aggregarvi direttamente sul posto, contattando le agenzie locali . Così facendo i costi sono meno alti rispetto ad un safari organizzato tramite un’agenzia italiana. Un altro modo per risparmiare qualcosa è quello di preferire i campi tendati ai lodge lussuosi . Inutile dire che l’esperienza di dormire in un campo tendato circondato dalla natura e dai versi degli animali è qualcosa di meraviglioso. Anche se non viaggiate con un budget ridotto, ne vale assolutamente la pena.

Tenete però presente che solamente gli ingressi ai Parchi Nazionali sono davvero costosi . Si passa dai 60 dollari giornalieri per il Nakuru National Park e per l’Amboseli National Park agli 80 dollari giornalieri per il Masai Mara e i 90 dollari giornalieri per lo Tsavo East e Ovest (52 dollari giornalieri l’uno, se li si vuole visitare separatamente), senza contare le spese per la jeep che, ovviamente, verranno ricaricate sul vostro costo finale. I biglietti hanno una durata di 24 ore perciò, se volete fare un safari di più giorni, moltiplicate il costo per ogni giorno di safari.

Per farvi un esempio un semplice safari di due giorni , solitamente allo Tsavo East, costa intorno ai 200/250 euro , incluso il pernottamento. Il costo va ad aumentare mano a mano che si aggiungono altri giorni.

Safari in Kenya

Clima e fuso orario in Kenya

Nonostante si trovi sull’equatore, in Kenya ci sono 3 climi diversi che variano dal clima secco e arido del Nord e dell’Est, al clima caldo e umido lungo la costa e temperato ad Ovest e Sud-Ovest. La temperatura risulta influenzata dalla presenza mitigatrice dell’Oceano Indiano e dai numerosi rilievi. La temperatura nella Rift Valley è più piacevole e più fresca, mentre nelle aride brughiere e nelle regioni semi-desertiche la temperatura è elevata e può superare i 40° durante il giorno e scendere sotto i 20° durante la sera. Lungo la costa invece si registrano temperature elevate nei mesi di febbraio e marzo, quando la temperatura minima si aggira mediamente intorno ai 28° e la massima intorno ai 37°.

I mesi estivi da maggio ad agosto sono caratterizzati da un clima mite, soprattutto al centro del paese. La stagione calda si estende invece per tutto il resto dell’anno. In generale, il clima è influenzato dalla posizione e dall’altitudine e, esclusi i periodi delle piogge in alcune zone, il Kenya può essere visitato in tutti i periodi dell’anno .

Il Kenya è 3 ore avanti rispetto al meridiano di Greenwich. Pertanto è 2 ore avanti rispetto all’Italia e 1 sola ora quando da noi vige l’ora legale. Il Kenya non osserva l’ora legale.

Safari in Kenya

Durante un safari in Kenya l’abbigliamento sicuramente che più vi consigliamo è un abbigliamento sportivo e comodo . Un paio di pantaloncini e una maglietta a maniche corte , possibilmente non bianca, sono l’ideale. Tenete presente che durante il safari entra terra da tutte le parti e la terra rossa del Kenya, se non fate attenzione, potrebbe macchiare i vostri vestiti. Per quanto riguarda le calzature invece vi consigliamo di portarvi delle scarpe da ginnastica comode , non sono necessari gli scarponcini da trekking.

Oltre allo zaino con dentro tutto l’occorrente per passare le notti nei campi tendati, portate con voi uno zainetto in cui inserire una buona protezione solare , un cappellino per proteggere la testa dal sole, gli occhiali da sole , un burro cacao e un maglioncino o una felpa e un pantalone lungo da indossare di sera o durante le uscite di mattina presto.

Safari in Kenya: zebre

Il modo sicuramente più comune, comodo e veloce per arrivare in Kenya è l’ aereo . Il Kenya è servito da diverse compagnie aeree, come ad esempio Alitalia, Blu Panorama (sconsigliata), KLM, Lufthansa, Qatar, Emirates, Ethiad, e la compagnia di bandiera Kenya Airways , ottima. In Kenya ci sono tre diversi aeroporti internazionali: uno a Nairobi, il Jomo Kenyatta International Airport, uno a Mombasa, il Moi International Airport, e uno a Eldoret, il Moi International Airport. Noi abbiamo volato su Mombasa, prendendo poi successivamente un volo interno per Nairobi.

I prezzi dei voli non sono eccessivamente alti e spesso, con un po’ di anticipo e un po’ di flessibilità sulle date in cui viaggiare, si riescono a trovare delle offerte davvero molto convenienti.

Se invece volete arrivare in Kenya via terra potete farlo entrando dalla Tanzania, dall’Uganda, dall’Etiopia, dal Sudan e dalla Somalia.

Safari in Kenya

Durante i safari avrete sostanzialmente due scelte per quanto riguarda l’alloggio: il campo tendato o il lodge. Noi li abbiamo provati entrambi. Il campo tendato si trova solitamente all’interno dei Parchi Nazionali o delle Riserve Naturali . È totalmente immerso nella natura ed è il luogo migliore dove dormire cullati dal suono della natura e dal richiamo degli animali, anche dai ruggiti dei leoni! Le tende sono spaziose, sicure, hanno un letto matrimoniale con zanzariera e un bagno privato con una piccola doccia. Solitamente è la soluzione più economica per ridurre un po’ i costi del safari ma, secondo noi, è la scelta migliore e più emozionante.

I lodge solitamente si trovano poco fuori dai parchi e sono strutture che nulla hanno da invidiare agli hotel . A volte raggiungendo anche la qualità di un hotel a 5 stelle. Le camere sono vista savana e spesso e volentieri si affacciano su pozze d’acqua dove è possibile osservare qualche animale mentre beve o si rinfresca.

Se dopo il safari il vostro soggiorno continua al mare, sulla costa le sistemazioni non mancano . Avrete l’imbarazzo della scelta tra B&B, hotel più o meno lussuosi o resort. Noi abbiamo alloggiato al Jacaranda Beach Resort e ci siamo trovati davvero benissimo. In Kenya non è possibile campeggiare liberamente ne all’interno ne all’esterno dei parchi .

Safari in Kenya: campo tendato

Spostarsi in Kenya non è una passeggiata, ma non è nemmeno troppo difficile e lo si può fare tranquillamente anche con i mezzi pubblici. Ovviamente non aspettatevi chissà quale sicurezza ed è giusto dirvi che gli incidenti sono all’ordine del giorno, guidano come pazzi e le regole.. Regole? Cosa sono? Non vogliamo mettervi l’ansia, ma era una doverosa premessa da fare!

I mezzi principali e più economici per fare i lunghi spostamenti sono i matatu . Non sono altro che pulmini che vengono caricati fino a scoppiare e che solitamente non partono se non sono completamente pieni. Una volta partiti inoltre continueranno a caricare anche gente per strada, perciò un’altra regola da seguire è non avere fretta ! In Kenya come dicevamo non vengono seguite le regole perciò è molto probabile che il matatu trasporti più persone di quelle che, in teoria, potrebbe caricare! Nel biglietto del pullmino è incluso anche il bagaglio che verrà stipato nel portabagagli, solitamente sopra il pullmino. Ricordate che in Kenya siete un mzungu (straniero) e che molto probabilmente tenteranno di applicarvi una tariffa due o tre volte superiore a quella dovuta.

Informatevi in anticipo e evitate di farvi fregare. Fatte le dovute premesse possiamo assicurarvi che un viaggio su questi pulmini è si stressante, ma allo stesso tempo molto divertente e vi permetterà di entrare in contatto e conoscere diverse persone locali. Uno spicchio di Kenya che a noi è rimasto nel cuore. Per spostarsi in Kenya esistono anche gli autobus normali, che forse sono una valida alternativa se dovete percorrere tratte davvero lunghe. Ovviamente sono più costosi rispetto ai matatu ma almeno avrete il vostro posto e un po’ di comodità in più.

Safari in Kenya: il Kilimangiaro

Per gli spostamenti brevi invece ci sono i moto-taxi (chiamati anche bajaj nelle zone costiere o piki-piki nelle zone interne) e i tuc-tuc , delle vecchissime ape car modificate a seconda dell’ego del proprietario! Noi li abbiamo utilizzati entrambi e, nonostante la poca sicurezza di entrambi, il tuc-tuc è sicuramente quello che abbiamo preferito. Sul moto-taxi si viaggia in tre o quattro , soprattutto se i passeggeri sono bambini e si cerca di caricarne il più possibile incastrandoli tipo tetris, rigorosamente senza casco, con il bagaglio incastrato in qualche maniera e, credeteci, sulle strade sterrate dove le buche hanno le sembianze di crateri vulcanici non è affatto simpatico. Divertente si, ma quando scenderete vi sembrerà di essere degli invertebrati!

Sul tuc-tuc invece ci siamo sentiti un po’ più sicuri , anche se abbiamo visto caricare di tutto e di più, gente che si appende fuori o che ti salta in braccio chiedendo un passaggio, autisti pazzi e spericolati. Insomma anche questo fa parte del bello di un viaggio in Kenya e poter entrare nella loro quotidianità anche solo per poco tempo ha contribuito a farcene innamorare e questi sono i ricordi più belli e indelebili che portiamo nel cuore.

Se invece desiderate avere la comodità di un transfer privato o già organizzato per spostarvi dall’aeroporto alla vostra destinazione finale, vi consigliamo di prenotare questi transfer privati da Mombasa a Watamu o Diani o a questi transfer a Nairobi .

Safari in Kenya: leonessa

La valuta del Kenya è lo scellino keniota (Ksh o Kes). È possibile cambiare i soldi prima di partire o in qualsiasi sportello di cambio. Noi però vi consigliamo come sempre di prelevarli direttamente sul posto dagli sportelli ATM che troverete sia in aeroporto sia in città in modo da avere il tasso di cambio corretto. Alcuni circuiti applicano fino ad un massimo di 3 euro a prelievo per operazione. Solitamente gli euro e i dollari americani vengono accettati ovunque , mentre le carte di credito dei principali circuiti, quali MasterCard e VISA, vengono accettate solo nei centri turistici. I dollari americani devono essere emessi dopo il 2000 . Ove possibile, evitate di girare con troppi contanti con voi soprattutto durante le escursioni o se girate da soli nei villaggi. I piccoli furti sono frequenti e purtroppo spesso le guide che vi accompagnano si mettono d’accordo con i malintenzionati.

Il costo della vita in Kenya non è così basso come ci si potrebbe aspettare . Per i turisti costa tutto tanto e di questo ne sono consapevoli anche loro. Purtroppo in Kenya noi turisti veniamo visti come dei dollari che camminano, pensano che i turisti siano tutti ricchi, e giustamente loro sfruttano questa cosa a loro favore.

In Kenya la mancia non è obbligatoria, ma è consigliabile lasciarla per assicurarsi un buon servizio. Alla fine dei safari è carino lasciare una buona mancia alla guida/autista e credeteci, verrete ripagati con un sorriso a 180 denti che vi riempirà il cuore di gioia.

Safari in Kenya: elefanti che lottano

Elettricità e prese elettriche

In Kenya il voltaggio è generalmente di 240 Volt con una frequenza di 50 Hz. Le prese elettriche sono a lamelle piatte di tipo G. Vi consigliamo di portare con voi un adattatore e una ciabatta da utilizzare per caricare più dispositivi insieme.

Presa Elettrica Tipo G

Telefonia ed internet

In Kenya c’è una copertura GSM in quasi tutto il paese, tranne alcune zone all’interno dei parchi. Prima di partire vi consigliamo di attivare un’opzione per l’estero per poter chiamare e navigare liberamente. In alternativa potete acquistare una SIM locale . Per pochi euro vi garantisce una buona copertura di rete e la possibilità di navigare e chiamare senza problemi. I principali operatori di telefonia mobile sono Safaricom, Airtel, Telkom. La rete wi-fi è comunque disponibile in quasi tutte le strutture, bar e ristoranti turistici.

Il prefisso che i vostri cari dovranno comporre prima del vostro numero per chiamarvi è lo 00254.

Per il nostro viaggio in Kenya abbiamo acquistato una eSIM , che permette di avere tutto a portata di mano senza dover acquistare una SIM locale. Potete acquistare la vostra eSIM direttamente online, e scegliere il piano che più si addice alle vostre necessità, cliccando sul seguente link eSIM Kenya . In alternativa, vi consigliamo di valutare anche le vantaggiose offerte di Airalo per il Kenya .

Per i nostri lettori è disponibile uno  sconto del 5% su ogni eSIM . Vi basterà collegarvi a Holafly da questo link eSIM Kenya e inserire il codice sconto:  UNVIAGGIOINFINITE .

Safari in Kenya: coccodrillo

Jambo ! Ricordate che in Kenya è tutto un pole pole (piano piano) e hakuna matata (senza problemi)!

Se siete interessati ad un viaggio in Kenya, date un’occhiata anche a questi articoli:

  • 5 luoghi da vedere in Kenya e come richiedere il visto per il Kenya
  • Escursioni e mare in Kenya: tra natura selvaggia e acqua cristallina!
  • Escursioni in Kenya: Marafa, the Hell’s Kitchen
  • Una giornata a Gede, tra rovine e scimmie!
  • Come richiedere la patente internazionale: convenzione di Ginevra e Vienna

Further Reading...

Fenicotteri nel Deserto di Atacama

Deserto di Atacama: cosa vedere in 4 giorni

Come vestirsi in Antartide

Come vestirsi in Antartide: Tutto quello che devi sapere

Viaggio in India: Forte di Agra

Come organizzare un viaggio in India: La guida completa!

No comments, leave a reply cancel reply.

Save my name, email, and website in this browser for the next time I comment.

Dove dormire alle Lofoten: la magia del dormire in una rorbu!

Itinerario in lapponia: 20 idee per un viaggio on the road dai 3 ai 15 giorni.

quanti giorni per safari in kenya

Home

Safari in Kenya: quando andare se vuoi viverlo al massimo

safari in kenya larga

Vorreste vivere l'esperienza di un safari in Kenya ma non avete la più pallida idea di quando andarci?

Per fortuna avete beccato questo articolo di Sto Gran Magazinr.

Infatti, adesso vedremo qual è il periodo più favorevole per osservare le migliori specie animali del Paese e cosa aspettarsi nelle diverse stagioni dell'anno.

Quando fare un safari in Kenya? Questo il periodo migliore per osservare le migliori specie animali

Il momento migliore per fare un safari in kenya.

L'osservazione della fauna selvatica è buona per quasi tutto l'anno, ma la situazione può variare per alcuni parchi.

Il periodo migliore per fare un safari in Kenya e ammirare le migliori specie animali è la stagione secca, da fine giugno a ottobre perché le precipitazioni sono più scarse o assenti.

Infatti, la migrazione degli gnu (un evento fighissimo di cui parleremo tra poco) raggiunge di solito il Masai Mara in agosto e rimane fino a ottobre , quando si spostano di nuovo verso il Serengeti in Tanzania.

Ad ogni modo, è possibile visitare il Kenya anche in inverno ( gennaio e febbraio ) che è considerato periodo di alta stagione per diversi parchi come il Masai Mara, l'Amboseli e il Lago Nakuru.

Tenete presente, inoltre, che il Kenya ha due stagioni delle piogge. Le 'piogge brevi', da novembre a dicembre, durano di solito circa cinque settimane, mentre le 'piogge lunghe' si verificano tra marzo e maggio: queste includono frequenti acquazzoni, copertura nuvolosa e alta umidità .

Non a caso il trimestre marzo-aprile-maggio è il periodo più sconsigliato per partire in Kenya per un safari . Per questo motivo, alcuni lodge e campi nelle aree ad alta piovosità chiudono.

Leggi anche:  Così potete risparmiare sui costi del vostro prossimo safari

Safari in Kenya (e non solo): ecco cosa aspettarsi a ogni stagione dell'anno

Marzo è tipicamente l'ultimo mese secco prima che la stagione delle piogge arrivi ad aprile . Le temperature rimangono stabili, ma il clima è estremamente umido.

Eventi da non perdere:

  • A marzo, Nairobi ospita l'East African Art Festival . Questo evento di tre giorni presenta arte, musica, teatro, musica, moda, letteratura, architettura, scultura e artigianato tradizionale.

I mesi estivi del calendario significano in realtà inverno per il Kenya , ma questo è anche sinonimo di bel tempo. Mentre giugno è l'ultimo mese della stagione delle piogge, luglio e agosto sono molto secchi e non troppo caldi, con temperature intorno ai 25°C .

Entrambi i mesi sono ottimi per visitare la Riserva Nazionale Masai Mara.

  • L' International Camel Derby and Festival si tiene ogni anno in agosto a Maralal, una città situata nel nord del Kenya. Le corse di cammelli si svolgono per diversi giorni attraverso il deserto e vi partecipano visitatori da tutto il mondo.

Il mese di settembre in Kenya è secco, ma le precipitazioni si spostano solitamente all'inizio di ottobre. Le temperature diurne sono comunque calde, di solito superiori ai 25°C.

A novembre fa ancora più caldo, quindi molti turisti si riversano sulle spiagge. Gli uccelli migratori raggiungono il picco sia nel Parco Nazionale di Aberdare che nella Great Rift Valley .

  • Il Lamu Cultural Festival attira visitatori ogni novembre nell'arcipelago di Lamu, sulla costa orientale del Kenya. Il festival, della durata di tre giorni, celebra la vita in questa destinazione isolana del vecchio mondo, fuori dai sentieri battuti, a circa due ore di volo da Nairobi, la capitale.

Con temperature elevate che superano i 30 gradi, l'inverno è il periodo perfetto sia per le vacanze al mare lungo l'Oceano Indiano che per esplorare gli oltre quaranta parchi nazionali e riserve di caccia del Paese .

  • Il Jamhuri Day , che si tiene il 12 dicembre di ogni anno, celebra l'indipendenza del Kenya dalla Gran Bretagna, avvenuta nel 1963. Molte città ospitano spettacoli e fuochi d'artificio.

Kenya: il periodo della Grande Migrazione

Ogni anno, la Tanzania e il Kenya fanno da sfondo a uno degli spettacoli faunistici più mozzafiato del mondo: la Grande Migrazione .

Milioni di gnu e zebre iniziano l'anno nel Parco Nazionale del Serengeti in Tanzania , per poi dirigersi gradualmente a nord verso i pascoli più abbondanti del Masai Mara, in Kenya.

Se volete assistere all'attraversamento delle mandrie del fiume Mara, pieno di coccodrilli (il Santo Graal dei safari della Grande Migrazione), il periodo migliore per viaggiare è agosto . A settembre e ottobre, gli animali sopravvissuti a questa traversata insidiosa riempiono le pianure del Mara.

Questo è indubbiamente il periodo più sicuro per vedere le mandrie e i predatori che seguono la loro scia.

Leggi anche:  Safari notturno: un'esperienza da fare per vivere al massimo la fauna africana

Conclusioni

In questo articolo abbiamo cercato di offrire una panoramica in merito al periodo migliore per fare un safari in Kenya.

Escludendo marzo, aprile e maggio, è possibile godere delle bellezze di questo Paese e dei suoi parchi nazionali per buona parte dell'anno.

A tal proposito, sapevate che noi abbiamo organizzato un super viaggio avventura proprio in Kenya? Scoprite le prossime date e preparate gli zaini , daje!

Leggi anche...

background

Safari in Namibia: fai da te o viaggio organizzato di gruppo?

background

Perchè gli animali migrano?

background

Perché andare in Uganda? 3 ottime ragioni per partire ora (con noi, naturalmente!)

background

Cosa vedere a Samarcanda se vuoi poter dire di averla vissuta davvero

background

Vuoi sapere cosa vedere in Uganda? Sapevilo!

background

5 destinazioni per un'estate 2024 da ricordare

background

Perché le iene ridono? E che cavolo hanno da ridere?

background

Come guadare un fiume nel Delta dell'Okavango Consigli e passaggi da seguire

background

Cosa avvistare in un Safari nel Parco del Chobe in Botswana

background

Safari nel Serengeti: Guida agli Avvistamenti in Tanzania

background

Guida per Cambiare la Gomma di una Jeep 4x4 Durante un Safari

background

Alla Scoperta dei Gorilla di Montagna in Uganda

background

I Big 5 della savana: quello che non volevi sapere su loro (e dove andare a vederli)

background

Pronti per il cratere Ngorongoro? Una figata di ecosistema da scoprire con Sto Gran Tour

background

'Na bomba i gorilla di montagna in Uganda!

background

Quando andare in Uganda? I periodi migliori per vivere un'esperienza come nessun'altra

background

Sto Gran Popolo dei Masai

background

Cosa vedere a Las Vegas a parte i neon sparati nelle pupille

background

Sta Gran Storia del deserto del Namib

background

Cosa vedere in Marocco in 8 giorni: un assaggio delle cose pazzesche che ti aspettano

background

Il Parco Nazionale del Serengeti: ecco cosa ti perdi se rinunci a partire con noi in Tanzania

background

Cosa fa un ranger dei parchi naturali? Tutto quello che devi sapere

background

Etosha National Park: ecco perché lo amiamo così tanto

background

Le migliori destinazioni per esplorare lo spirito autentico dell'Africa

background

AAA Cercasi Nuovi Capisquadra!

background

Quali sono le tappe della Route 66? Ecco tutto il percorso

background

Guida alle vaccinazioni per viaggi in Africa: consigli pratici

background

Come Vestirsi in Giordania: Guida all'abbigliamento 2024

background

Capodanno 2024 in Giordania: perché é una bella idea!

background

Cosa vedere nella Death Valley

background

La Costa Rica svelata: 10 curiosità che non conoscevi

background

Scopri i 5 migliori safari da fare nel 2023

background

6 curiosità sul Kenya che devi assolutamente conoscere

background

Le 5 cose da non perdere se partite in Thailandia

background

Sto Gran Comedy Tour, il primo comedy tour di viaggio

background

Viaggi indimenticabili con Sto Gran Tour: le 7 destinazioni da non perdere per l'estate 2023

background

Quando andare in India: una guida al clima del subcontinente indiano

background

7 cose da vedere a Marrakech: visitate la città rossa con StoGranTour!

background

Safari in Sudafrica? Ecco cosa dovete sapere per un'esperienza indimenticabile nel Parco Kruger

background

Scopri l'Indonesia: 7 cose da vedere in un tour fuori dagli schemi

background

Quando andare in Nepal? Come scegliere il momento perfetto per visitare l'Himalaya

background

Cosa vedere in America? I posti più belli da visitare negli USA con Sto Gran Tour

background

Le cose più fighe da vedere in Perù

background

I 5 luoghi da non perdere in Giappone e come visitarli tutti in una pazza esperienza tra antico e moderno

background

Cosa vedere in Costa Rica se vuoi rimanere a bocca aperta (e non solo per l'afa!)

background

Che rottura i soliti regali... Se vuoi donare un'esperienza indimenticabile, regala un viaggio!

background

Le cascate Sekumpul di Bali: una meraviglia della natura da visitare almeno una volta nella vita

background

Le 7 cose da vedere assolutamente durante un viaggio in India

background

Ring Road in Islanda: i luoghi imperdibili che puoi visitare con Sto Gran Tour

background

Safari husky in Lapponia: sì, con Sto Gran Tour puoi fare anche questo!

background

Wat Pho: visita il tempio del Buddha sdraiato a Bangkok

background

Viaggio a Cuba: cosa vedere per conoscere la vera anima dell'isola

background

La foresta di bambù di Arashiyama: un 'paesaggio sonoro del Giappone'

background

Quando andare in Thailandia per un viaggio alla scoperta degli aspetti più inediti di questo incantevole Paese

background

Viaggi avventura in Costa Rica? Parti con Sto Gran Tour per un'esperienza pazzesca!

background

Perché se fai un viaggio in Mongolia non puoi perderti il deserto del Gobi

background

Turismo etico: scopri un nuovo modo di viaggiare nel rispetto di culture ed ecosistemi

background

Preparazione trekking dal Campo Base dell'Everest: cosa sapere prima di partire

background

Visitare la Monument Valley: come organizzare un tour in uno dei luoghi simbolo del Far West

background

Grand Canyon National Park: cosa vedere nel meraviglioso parco dell'Arizona

background

Come visitare la Death Valley e il West degli States in un'esperienza pazzesca 'on the road'

background

Documenti per andare in Giordania: tutto quello da sapere prima di partire

background

"A pasquetta vado a…" lascia perdere le solite vacanze. Scegli: Namibia o Sri Lanka?

background

7 curiosità che non ti aspetti sul Marocco

background

Quali sono le 7 meraviglie del mondo e perché, in realtà, non sono 7!

background

Cosa fare alle Hawaii per vivere al massimo questo paradiso terrestre

background

Dove fare whale watching nel 2023: sapevi che puoi vedere le balene anche in Europa?

background

Come visitare il Taj Mahal e le altre meraviglie dell'India con un viaggio di gruppo pazzesco

background

Come visitare Petra e organizzare un viaggio nella stupenda Giordania

background

I 5 parchi americani più belli e come visitarli

background

Aurora boreale: il periodo migliore per godersi lo spettacolo nel 2023

Diventa Caposquadra Sto Gran Tour - Call 01-2023

background

Machu Picchu: una meraviglia del mondo moderno che devi assolutamente visitare

background

Come prenotare un safari in Sudafrica: tutto quello che devi sapere

background

Safari in mongolfiera: i luoghi dove vivere un'esperienza esclusiva

background

Quando e come visitare l'Antelope Canyon

background

Escursioni a Zanzibar: come viverle al 100% senza lasciarti sfuggire le altre meraviglie della Tanzania

background

Cosa vedere in Tanzania se non vuoi perderti le meraviglie della natura selvaggia

background

Safari in Sudafrica: quando andare per vedere da vicino una fauna incredibile

background

Quando andare a visitare il Serengeti? I periodi migliori dell'anno

background

Vaccini prima di un viaggio in India: tutto quello che devi sapere

background

Dove vedere i pinguini e gli altri 'Big 5' dell'oceano in un safari marino memorabile

background

Cosa vedere in Botswana: 5 luoghi che non puoi assolutamente perderti

background

Safari in Namibia: quando andare? I periodi migliori dell'anno per visitare un Paese pazzesco

background

Come pianificare un safari in Kenya e perché scegliere un viaggio avventuroso organizzato

background

Masai Mara in Kenya: una figata di safari da vivere al massimo con Sto Gran Tour

background

Le Cascate Vittoria e la 'Piscina del Diavolo': una meta che non conoscete!

background

Così potete risparmiare sui costi del vostro prossimo safari

background

Safari notturno: un'esperienza da fare per vivere al massimo la fauna africana

background

Cosa vedere in Sudafrica? Animali unici, parchi nazionali incredibili e molto altro!

background

Perché fare un safari in Kenya? 5 (buoni) motivi per vivere un'esperienza unica

background

Cosa vedere in Kenya e come vivere un'avventura unica nella terra dei Masai

background

Viaggi avventurosi: 5 idee per un'esperienza indimenticabile

background

Abbigliamento per i safari: 7 consigli (utili) su cosa mettere nello zaino prima di partire

background

Lo scioglimento dei ghiacciai

background

Dove e quando vedere l'aurora boreale in Norvegia

background

Periodo migliore per fare un Safari in Africa

background

I Migliori Parchi d'Africa dove fare un Safari

background

Quanto costa un safari in Tanzania?

background

Come organizzare un Safari in Tanzania

background

La Grande Migrazione in Tanzania

background

Boulders Beach, i pinguini africani in Sudafrica

background

La casa di Nelson Mandela in Sudafrica

background

Dove si trova la Lapponia?

background

Quando andare in Lapponia?

background

Vaccinazioni in Namibia

background

Vuoi diventare Caposquadra Sto Gran Tour?

background

Geyser Islanda: dove sono e cosa sono?

background

Circolo d'oro Islanda: tutte le tappe

background

Guida pratica: come guidare in Africa

background

Una Spedizione di 8000km per seguire la migrazione delle zebre

background

Safari in Africa: ecco dove farlo

background

Safari self-drive in Africa: i pro e i contro

background

Viaggi di gruppo: perché scegliere di partire?

background

5 buoni motivi per viaggiare in Namibia con Sto Gran Tour

background

La zebra è nera a strisce bianche o il contrario? Abbiamo la risposta.

background

Curiosità sulla giraffa che non sai

background

9 cose che non sapevi sugli elefanti

background

Quando andare in Namibia

background

Perché nessuno considera le iene?

background

10 cose da non perdere in Namibia

background

Safari in Namibia, un'esperienza da fare

background

Scoperte incredibili in quarantena

background

Cape cross, la colonia di otarie

background

Dormire nel deserto del Sahara

background

La mia jeep, il mio rifugio

background

In Giordania con UNHCR, esperienza sconvolgente

background

L’attrezzatura per fotografare l’aurora boreale

background

Fotografare l’aurora boreale: le impostazioni della fotocamera

background

Fotografare l’aurora boreale: la messa a fuoco infinito

background

Fotografare l’aurora boreale: Diaframma, tempo di esposizione e ISO

background

Fotografare l’aurora boreale: la condensa, nemica dell’aurora boreale

background

Come nasce il team della Travel Boom Factory?

background

Siamo arrivati. Non stavamo più nella buccia!

background

Multati nel Parco dell’Etosha

background

La Biodiversità della Namibia

background

Tour operator a chi?!

background

Il giro del mondo, boom.

background

I nomadi del Marocco: cosa fanno i nomadi tutto il giorno?

background

Ciao, sono Gabriele

Collaboriamo con...

Amazon Prime Video

I nostri viaggi

logicweb

Arché Travel - Viaggi su Misura

  • Testimonianze
  • Guide di Viaggio
  • Consigli di Viaggio
  • Arché Travel on Tour
  • Viaggiare Sicuri
  • Inghilterra
  • Arabia Saudita
  • Emirati Arabi
  • Kirghizistan
  • Turkmenistan
  • Corea del Sud
  • Viaggi Culturali
  • Viaggi a Piedi
  • Viaggi nel Deserto
  • Vacanze in Barca
  • Partenze Esclusive con Accompagnatore
  • Partenze Garantite Condivise

kenya quando andare periodo migliore temperatura clima meteo

Quando andare in Kenya?

Sapere quando andare in Kenya e il periodo migliore, in base a clima , meteo e temperature , ci permette di organizzare al meglio il viaggio in questo meraviglioso paese africano. Affacciato sull’Oceano Indiano, il suo paesaggio è caratterizzato da savane , la Rift Valley e i rilievi montuosi. Dalla capitale, Nairobi , partono meravigliosi safari, visitando le riserve dei Maasai e i parchi nazionali. Scopriamo quindi insieme il periodo migliore per visitare il paese, rendendo così perfetto il vostro Viaggio in Kenya !

Leggi anche: Kenya, Cosa Vedere e Fare e in Quanti Giorni »

Autunno in Kenya

Il clima del kenya.

Per organizzare al meglio il viaggio in Kenya è importante conoscere temperature e clima, in base a ogni stagione e alla zona da visitare. Scopriamo qual è il periodo migliore per andare in Kenya, meraviglioso paese africano diviso dall’ Equatore . Lungo la costa umido e caldo, a ovest temperato e a sud-ovest, dove troviamo altipiani e montagne, arrivano a est con il clima torrido e arido, come a nord. Il momento più caldo va da febbraio a marzo, rinfrescandosi da luglio ad agosto, con però leggere variazioni. Da ottobre a marzo i venti sono caldi, provenienti dall’Arabia. Da aprile a settembre arrivano quelli umidi e freschi dell’oceano Indiano. Il passaggio di questi due periodi è caratterizzato da piogge , soprattutto da marzo a maggio.

La zona degli altipiani è piovosa invece da giugno a settembre. Le maggiori precipitazioni si verificano a sud ovest e sulle coste, soprattutto come temporali. Non esistono periodi sconsigliati per andare in Kenya, per il turismo balneare è consigliato da agosto a settembre, come gennaio e febbraio, più caldi. Per le zone aride sempre luglio e agosto, anche se il caldo è sempre intenso. Se invece sognate un safari o visitare gli altipiani, è consigliato da giugno a settembre , o gennaio febbraio. I mesi più caldi, quando il sole è allo zenith, sono marzo e settembre.

Andiamo quindi a vedere nel dettaglio il periodo migliore quando andare in base a meteo, clima e Kenya temperatura.

Safari in Kenya: Masai Mara e Amboseli

Safari in Kenya: Masai Mara e Amboseli

Tour di Gruppo: Parchi del Kenya e Masai

Tour di Gruppo: Parchi del Kenya e Masai

Clima costiero.

Andiamo a scoprire quindi il meteo e le temperature in Kenya nella zona costiera. In quest’area, il clima tutto l’anno è caldo , con picchi da novembre ad aprile. Le temperature si raffrescano da giugno a settembre. I periodi meno piovosi sono gennaio e febbraio, mentre i rovesci pomeridiani si verificano nella zona sud della costa, come in prossimità di Mombasa e Malindi , a marzo e dicembre. Da aprile a giugno si verifica invece la stagione delle piogge lunghe , più avanti rispetto al meteo generale del Kenya.

Tranne che da aprile a luglio, il cielo è prevalentemente soleggiato e il periodo migliore è da agosto e settembre , oltre che essere con le temperature migliori. Il mare è ideale per fare il bagno in qualsiasi momento dell’anno, con temperature Kenya dai 25 ai 29°C. Verso Lamu la stagione delle piogge brevi si fa sentire meno, con rovesci da ottobre a novembre poco intensi.

spiaggia Malindi -  quando andare in kenya - kenya quando andare - qual è il periodo migliore per andare in kenya - miglior periodo per andare in kenya - quando andare kenya - periodo migliore per visitare il kenya - periodo migliore per kenya

Clima sull’altopiano

Qual è il miglior periodo per andare in Kenya nelle aree degli altipiani in base a temperature, clima e meteo? Qui, il clima è prevalentemente temperato e non eccessivamente caldo. I rilievi, però, supportano la formazione di temporali salendo di quota, anche nella stagione secca. Su Nairobi , la capitale a 1.600 m, passa l’ Equatore , ma grazie all’altitudine il Kenya clima è piacevole. Da luglio e agosto la temperatura Kenya può scendere anche a 5°C. Troviamo anche la riserva di Masai Mara, sul confine del Serengeti in Tanzania, a 1.500 m. I parchi a sud sono più caldi e aridi rispetto questo.

Come l’ Amboseli National Park , a 1.100 m, da dove vediamo il Kilimangiaro . La stagione secca va da giugno a settembre, mentre la stagione più piovosa è da marzo a maggio. Scendendo a 600 m troviamo Voi, con medie di 35° a febbraio e marzo, arrivando a 28°C ad agosto. Sopra i 1.800 m troviamo la foresta montana , cime vulcaniche e un paesaggio lunare. Sopra i 2.000, nelle highlands , piove invece da luglio ad agosto a differenza del Kenya meteo del resto del paese. A 1.750 m troviamo il Lago Nakuru , dove piove sempre da giugno ad agosto.

Uhuru Park nairobi

Clima in Altitudine

La maggior vetta del Paese è il Monte Kenya , con i suoi 5.199 metri, dove troviamo per clima temperature e meteo Kenya diverse zone. In base ai versanti e alla quota, a 2.000 m incontriamo la foresta montana, diventando di bambù a 2.500 m. Sopra i 3.000 m troviamo la brughiera e il deserto sopra i 4.000. Incontriamo i ghiacciai , come quello di Lewis a 4.700 m. A quote elevate, inoltre, a marzo, maggio e da ottobre a dicembre può nevicare qui. Verso i 4.000 m troviamo i Monti Aberdare . Tornando verso i 1.100 m, invece, troviamo la parte nord-orientale del Victoria Lake e la località di Kisumu sulle sue sponde. Qui le medie nel corso dell’anno sono abbastanza stabili, passando dai 32 ai 28°C a giugno.

formazione rocciosa Dragons Teeth, Ol Doinyo Lesatima Aberdares - clima kenya - kenya clima - meteo kenya - kenya meteo - kenya temperature - temperature kenya - temperatura kenya - meteo in kenya - il clima del kenya - kenya temperatura - clima in kenya - temperature in kenya

Clima arido

Vediamo il periodo migliore per andare nella zona desertica e arida del Kenya in base al suo clima, temperature e meteo. Andando verso nord, l’aria in Kenya diventa più calda e secca, soprattutto abbassandosi di quota. Verso il Lago Turkana , a 365 m, il paesaggio diventa a sud semidesertico e a nord desertico, con pochissime precipitazioni durante l’anno. A Lodwar il caldo tutto l’anno è torrido, con medie di 30°C, abbassandosi leggermente a luglio e agosto.

Le piogge sono irregolari e rare da marzo a maggio e da ottobre a dicembre. Verso il confine con Somalia ed Etiopia , a nord-est, troviamo località come Wajir e Mandera . Il cima qui in Kenya e le temperature sono sempre torride, con un paesaggio arido.

capanne tipiche nomadi Lago Turkana

Kenya Temperature, Quando Andare?

Come abbiamo visto, in base alle zone che vogliamo visitare, possiamo trovare distinti tipi di clima , temperatura e meteo in Kenya . In generale, non esistono periodi sconsigliati per un viaggio in Kenya, ma il periodo migliore per tutto il paese è luglio a settembre, durante la nostra estate . Anche primavera , autunno e l’ inverno non sono sconsigliati per un viaggio, ma bisogna mettere in conto le temperature, le precipitazioni e il meteo del Kenya, in base alle zone che desideriamo visitare.

Di seguito, analizzeremo ogni stagione , elencando anche eventuali festività ed eventi. Consigliandovi i viaggi e il miglior periodo per visitare il paese in base al meteo e al clima in Kenya.

Inverno in Kenya

Se vi state chiedendo quando andare Kenya durante il periodo migliore, il nostro inverno non è il migliore, ma neanche sconsigliato. Infatti, il Kenya è vicino all’Equatore e qui non troviamo un inverno simile al nostro, ma piuttosto una stagione delle piogge e una secca . Qui, infatti, il periodo più fresco è quello che va da giugno ad agosto, ma le temperature subiscono variazioni minime. Salendo in quota, come nella capitale Nairobi, e sull’altopiano, le minime possono arrivare tra i 10 e i 15°C , mentre le giornate a 25°C . Sulle coste , invece, le temperature sono maggiori. Da novembre a dicembre, inoltre, si verifica la stagione delle piogge brevi .

Da gennaio a febbraio , inoltre, è considerato un ottimo periodo e alta stagione per visitare i Parchi Nazionali, come quello del Lago Nakuru, l’Amboseli e il Masai Mara. Inoltre, bisogna tenere in considerazione che le temperature in Kenya in inverno superano anche i 30°C . ideale invece per una vacanza all’insegna del mare e del relax sulle sue coste. Tra le festività più importanti, infine, il 12 dicembre si tiene il giorno dell’ Indipendenza del Kenya dal Regno Unito nel 1963. In questo momento, nelle principali località si tengono spettacoli pirotecnici e feste. In questo periodo, vi consigliamo il nostro Tour di Gruppo: Parchi del Kenya e Masai . Un viaggio a contatto con le tradizioni dei Masai e Safari nei grandi parchi.

Primavera in Kenya

Considerando il clima, il meteo e le temperature, la primavera, anche questo non è il periodo migliore per visitare il Kenya, ma non è neanche una stagione sconsigliata per il vostro viaggio. Bisogna tenere però in considerazione che marzo è l’ultimo mese secco, prima dell’arrivo della stagione delle piogge in aprile . Le temperature quindi in Kenya in questo momento sono stabili, ma cresce molto l’umidità. A Nairobi a marzo, inoltre, si tiene l’evento dell’ East African Art Festival . Tre giorni di musica, moda, arte per scoprire al meglio l’artigianato locale. Da marzo a maggio troviamo la stagione delle piogge lunghe , un periodo con precipitazioni abbondanti, intense e che si presentano come temporali pomeridiani.

Estate in Kenya

Come abbiamo visto, la nostra estate è il periodo migliore per Kenya per fare il vostro viaggio. Infatti, l’estate in Kenya, da giugno ad agosto , per il paese è il suo inverno, che vuol dire che le temperature sono miti . Giugno è inoltre l’ultimo mese delle piogge, luglio e agosto presentano quindi un clima secco e con medie di 25°C. Questo periodo è ideale per un safari alla scoperta dei suoi parchi nazionali. Inoltre, ad agosto a Maralal si tiene l’ International Camel Derby : gare di cammelli nel deserto che richiamano appassionati da ogni parte del mondo. Inoltre, è il momento ideale per il nostro Safari in Kenya: Masai Mara e Amboseli , alla ricerca dei big 5 nelle riserve naturali del sud del paese!

Infine, l’autunno è un periodo consigliato in base a clima, meteo e temperature per visitare il Kenya, tenendo conto delle sue caratteristiche. Settembre , infatti, è un mese secco e le precipitazioni iniziano a ottobre. Le temperature durante il giorno, però, sono comunque molto calde, sopra i 25°C, aumentando a novembre. Per questa ragione, l’autunno è un periodo ideale per il turismo balneare in Kenya. A novembre, sull’ arcipelago di Lamu si tengono festival culturali in una località meravigliosa immersa nella natura. Questa è anche una delle stagioni ideali per assistere alla Grande Migrazione . Un incredibile evento naturale che coinvolge Kenya e Tanzania, dal Masai Mara all’area del Ngorongoro, fino al Parco nazionale del Serengeti.

Clima Kenya, Quando Andare?

Dopo avervi illustrato qual è il momento migliore per andare in base al clima Kenya, abbiamo visto che le stagioni ideali per visitare il Paese è in generale la stagione secca. Non esiste però un periodo sconsigliato e, grazie al clima mite, è ideale tutto l’anno per un viaggio lungo la sua costa.

Quindi, qual è il periodo migliore per visitare il Kenya ? Vediamo insieme la tabella con tutti i dettagli per scoprire quando andare in Kenya in base ai mesi dell’anno.

FAQ, Kenya Quando Andare

Di seguito troverete le domande frequenti dei nostri viaggiatori per vedere insieme qual è il periodo migliore per andare in base al meteo, il clima e le temperature in Kenya.

Il periodo migliore per un safari in Kenya, tra altipiani e parchi nazionali, va da giugno a settembre, o da gennaio a febbraio.

Non esistono periodi sconsigliati per andare in Kenya.

Come Visitare il Kenya e Quando Andare in base al Clima?

Ora che grazie al nostro articolo Kenya Quando Andare avete un’idea più chiara, vi consigliamo di informarvi sui documenti necessari per entrare nel paese e visitare la nostra sezione di Viaggiare Sicuri per tutte le informazioni sull’accesso.

Sebbene sia possibile organizzare il vostro viaggio in Kenya in piena autonomia, noi di  Arché Travel ,  consigliamo sempre di affidarvi ad un  tour operator specializzato  per l’organizzazione del vostro  viaggio di gruppo . In questo modo sarete sicuri di vivere un esperienza di  viaggio in totale  sicurezza e affidabilità , sapendo quando andare in Kenya.

Se interessati a ripercorre i luoghi descritti vi consigliamo di consultare le nostre proposte di viaggio in Kenya .

Viaggi in Kenya

SEGUICI SUI SOCIAL

facebook arché travel

CATEGORIE BLOG

  • Emergenza Coronavirus
  • Cosa Vedere e Fare
  • Storia & Archeologia
  • Cultura & Tradizione
  • Quando Andare
  • Natura & Outdoor
  • Mare & Relax

DAL BLOG KENYA

Blog Kenya - kenya cosa vedere fare visitare

Kenya, Cosa Vedere e Fare e in Quanti Giorni

Blog Kenya - kenya documenti per entrare serve il passaporto

Documenti per il Kenya, Serve il Passaporto?

Blog Kenya - kenya viaggiare sicuri

Viaggiare Sicuri Kenya

Top viaggi kenya 2024.

Tour di Gruppo: Parchi del Kenya e Masai | Tour Operator Kenya

VIAGGIA CON GLI ESPERTI

chi-siamo-arche-travel-tour-operator

Viaggi d'Autore lungo le Rotte degli Antichi

ARCHE' TRAVEL MEDIA S.R.L. Sede Legale: Via Frassineto 49 - 10139 Torino P.IVA: 11800220011 Iscritto al CCIAA di Torino R.E.A. TO-1241778 Polizza di Insolvenza: Fondo ASTOI

arche travel astoi

  • Viaggi di Gruppo
  • Best Seller
  • Prossime Partenze
  • Destinazioni
  • Domande Frequenti
  • Richiesta preventivo
  • Condizioni Generali
  • Assicurazione
  • Aiuti di Stato
  • Arché Travel Cards
  • Lavora con noi

"Vincitore del Premio Turismo Cultura Unesco 2015"

Vincitore del Premio Turismo Cultura Unesco 2015

Notizie.it logo

Safari in Kenya, informazioni utili e periodo migliore

I periodi migliori per un safari in kenya e i luoghi da non perdere, alla scoperta delle grandi riserve naturali e dell'affascinante watamu..

Argomenti trattati

Safari Kenya

Periodo migliore, safari kenia watamu.

Osservare le meraviglie della natura e sentirsi parte di essa, scoprire colori la cui bellezza va al di là di ogni immaginazione, inebriarsi di profumi indimenticabili. Pensare a un safari in Kenya come una semplice vacanza sarebbe riduttivo. Ogni viaggio è una scoperta di luoghi nuovi e di parti sconosciute di sé e, per chi sogna l’Africa, un safari in Kenya lo è senza dubbio e in modo travolgente.

Per visitare il Kenya, consigliamo di visitare su Expedia, le migliori offerte per voli e hotel

cshow

Un safari in Kenya è un’occasione perfetta per immergersi nella natura delle grandi riserve africane alla scoperta della terra dei Masai.

La savana keniota è l’habitat di animali come elefanti, zebre, giraffe, ippopotami, rinoceronti e i grandi felini, tra i quali, naturalmente, il più conosciuto, temuto e amato, sua maestà il leone. Poter ammirare questi animali nel loro ambiente è infinitamente suggestivo e certamente più emozionante, tralasciando l’aspetto etico, del vederli reclusi in zoo di città che ben poco hanno a che fare con la loro naturale casa.

Nella savana ci sono importanti riserve naturali, diverse tra loro.

Tra i principali parchi il Masai Mara , dove vivono antilopi, leopardi, gazzelle, leoni e si possono incontrare molti ippopotami. Altro famoso parco è l’ Amboseli National Reserv e, sul versante nord del Kilimangiaro , che ospita una grandissima quantità di specie di uccelli migratori, ed è territorio di rinoceronti, gazzelle, elefanti, leoni, zebre, ghepardi ippopotami e struzzi. C’è poi la riserva Tsavo , caratterizzata dalla forte presenza di felini, ma dove si possono ammirare anche elefanti, giraffe, ippopotami, rinoceronti e bufali. Una delle riserve più famose è sicuramente quella della Rift Valley , la cosiddetta “culla dell’umanità”, che costituisce una delle più importanti rotte al mondo per gli uccelli migratori.

Il Kenya si estende su un territorio molto vasto, per cui clima e temperatura variano in base alla posizione. In generale, però, il periodo ideale per un safari è quello che va da giugno a settembre , quando si può assistere allo spettacolo delle grandi migrazioni degli erbivori. Nei primi mesi dell’anno, invece, si può ammirare la migrazione degli uccelli. La stagione secca comprende i mesi di febbraio e marzo, da evitare invece i periodi piovosi, tra aprile e maggio e ottobre e novembre.

Watamu è una piccola città sulla costa, a nord di Mombasa. È conosciuta per il Watamu Marine National Park and Reserve , dove si trovano le spiagge più belle e incontaminate. È tra le mete preferite del turismo in Kenya ed è raggiungibile in due ore di viaggio in autobus dall’aeroporto di Mombasa. Circondata dalle spiagge di Watamu c’è l’affascinante foresta costiera che costituisce il Parco nazionale di Arabuko Sokoke , spesso attraversata da elefanti che si dirigono verso il grande fiume Sabaki, che ospita scimmie, piccoli mammiferi e uccelli rari. Da Watamu si può raggiungere la vicina savana keniota. Il parco più vicino per effettuare un safari è lo Tsawo est .

Lascia un commento Annulla risposta

Vacanze in honduras, le spiagge più belle da vedere, rabat, cosa vedere e le spiagge della capitale del marocco.

1344 768 11 12 23 22 2 585617

Fuerteventura è un mix meraviglioso di natura e tradizioni locali. Immergiti nei suoi paesaggi e scopri dove si trova e cosa vedere durante la tua visita.

1344 768 01 13 08 11 3 384720

Se c’è un luogo che incarna il paradiso tropicale, è sicuramente Zanzibar. Scopri dove si trova questo arcipelago e quando è il momento migliore per visitarlo.

QuandoAndare.info

Per scoprire il meglio. Sempre.

  • / Destinazioni / Africa /

La nostra valutazione per mese

Il Kenya è un “viaggio” all’insegna dell’avventura  immerso nella natura della savana ed accerchiato dagli animali che hanno sempre affascinato tutti noi sin da bambini. Il viaggiatore che si reca in Kenya può scegliere di accamparsi in una tenda provando lo stupore della magia del silenzio che gli sta intorno, magari sonnecchiando sotto un cielo nero punteggiato da innumerevoli stelle luminose, oppure può alloggiare più comodamente in qualche lodge in stile africano ben adattato alla natura che lo circonda.

Kenya, ghepardo

Cosa ti aspetta in Kenya?

Si attende l’alba per un safari alla ricerca del leone , Re della Savana sempre molto difficile da scovare, e si cerca di udire in lontananza un ruggito che ci avverta della sua presenza. Si seguono poi le sue tracce e lo si trova finalmente in mezzo ai cespugli, in attesa del ritorno del branco di leonesse impegnate nella caccia. Questo è il Kenya, il paese che vi conquisterà ed immancabilmente vi farà scoprire cosa si prova tornando a casa e sentirsi addosso il “M al d’Africa “. I maggiori parchi nazionali dove praticare il safari sono il Masai Mara Reserve o i Tsavo National Park, poi ci sono altri parchi minori ma non meno affascinanti.

Dopo aver vissuto l’avventurosa esperienza del safari nelle riserve o nei parchi del Kenya potete abbandonarvi sulle spiagge di Watamu o Malindi in totale relax. Vi aspetteranno lunghe distese di sabbia bianca affacciate ad una spettacolare barriera corallina. Non perdetevi poi il parco nazionale delle tartarughe marine ed il parco delle mangrovie vicino a Watamu.

quanti giorni per safari in kenya

Quando andare in Kenya?

Il Kenya ha un clima che varia da zona a zona, ma il periodo migliore per andarci è sicuramente nei mesi di febbraio e marzo, durante la stagione secca, o tra giugno e settembre per trovare il meglio dei safari nelle riserve naturalistiche. Dunque, possiamo distinguere la zona costiera con un clima mite tutto l’anno per chi vuole abbandonarsi ai piaceri delle spiagge e del mare , evitando però i periodi piovosi tra aprile e maggio ed ottobre e novembre (si dice che tra marzo ed agosto ci siano diverse alghe sulla costa, ma dipende dalle spiagge, informatevi bene prima di partire). Per gli appassionati delle visite e dei safari, il clima varia tra il Kenya settentrionale e la zona degli altipiani. Nel primo il clima è secco ed arido con poche precipitazioni, mentre nella zona degli altipiani e quindi delle riserve il clima è caratterizzato da due stagioni delle piogge, sono prolungate tra aprile e giugno e con precipitazioni più intense ma di breve durata tra novembre e dicembre. Per ammirare le migrazioni degli uccelli vi consigliamo i mesi di gennaio e febbraio, mentre per la migrazioni degli erbivori (gnu, zebre, giraffe…) il periodo più adatto va da giugno a settembre, variando leggermente di anno in anno a seconda delle condizioni climatiche e delle precipitazioni che condizionano le migrazioni stesse.

Per maggiori dettagli sulle precipitazioni e temperature medie consulta i seguenti dati.

Annotazioni

Segnalazioni:  consultate il link di Viaggiare Sicuri della Farnesina qui sotto e monitorate la situazione politica del paese prima di decidere di partire.

Suggerimenti : a parte la profilassi antimalarica, soprattutto nei periodi più umidi portare con sé dei prodotti repellenti per zanzare.

http://www.viaggiaresicuri.it/paesi/dettaglio/kenya.html

Appunti sulla grande migrazione

Ti potrebbe anche interessare...

Etiopia, tribù etiope

Las Vegas e il Nevada

Hawaii

Lascia un commento Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Do Not Send Email Notifications. Avvisami se qualcuno risponde al mio commento Avvisami ad ogni nuovo commento al post

44 commenti

Salve, vorrei sapere se dal 15 marzo è ancora un buon periodo per andare in Kenya quello che desideriamo e trovare bel tempo per godere del mare Grazie

Ciao Sabrina, sì fino a fine marzo il periodo rimane secco, con aprile iniziano le prime piogge che si protraggono fino a fine maggio.

Se ti piace anche la nostra pagina facebook seguici su https://www.facebook.com/profile.php?id=100026879594607

vorrei andare in Kenya ad Agosto, è un periodo sconsigliato? Grazie mille

Ciao Pamela, agosto è uno dei mesi migliori per un viaggio in Kenya.

Buonasera vorrei andare in Kenya e fare safari e mare..il mese di luglio è adatto?

Ciao Sara, luglio dal punto di vista climatico è perfetto perchè sei in piena stagione secca, è anche il mese ideale per la grande migrazione. Buon viaggio!

Grazie Mille!

Buonasera, vorremmo andare in Kenya per mare e Safari prima settimana di settembre . É un buon periodo ? Le temperature?

Ciao Laura, settembre è un ottimo periodo sia per il mare che per il safari. Le temperature massime sul mare ad inizio settembre si aggirano sui 28°C mentre verso l’interno nelle zone dei safari sono di circa 24°C, il clima è secco. Ti auguriamo buon viaggio!

ciao! io vorrei fare il Kilimangiaro: avete qualche info/consigli? Quale attrezzatura / abbigliamento? Servono vaccinazioni o accorgimenti medici particolari? Com’è possibile organizzare la salita? grazie!!!

Ciao Laura, dalle info di alcuni amici che ci vogliono andare quest’estate, scalare il Kilimangiaro non è faticoso per la difficoltà tecnica ma è impegnativo per la lunghezza del percorso. Considera che è alto quasi 6.000 mt ma non è ripido come altre vette della stessa altezza, questo però comporta diversi giorni di camminata. Inoltre è obbligatorio farlo con una guida. A questo link trovi diverse risposte ai tuoi quesiti https://www.thatladyfromeurope.com/scalare-il-kilimangiaro-10-domande-risposte/ https://www.thatladyfromeurope.com/scalare-il-kilimangiaro-le-7-vie-per-la-vetta/ Sono consigliate anche alcune vaccinazioni, leggi la pagina relativa del sito https://www.viaggiaresicuri.it/country/TZA

SALVE, volevo andare a metà dicembre in Kenya e fare sia mare che safari, lo consigli come periodo? grazie

Ciao Milena, da metà dicembre si riducono le piogge, gennaio e febbraio rientrano nella breve stagione secca, per sicurezza sarebbe meglio fine dicembre

Seguici anche su

Cerca nel sito

Quando vuoi partire.

Gennaio

Destinazioni

Spiaggia e mare alle Seychelles

Nord America

Giappone, monte Aso

Centro Sud America

Mont Saint Michel, marea bassa

Le maree di Mont Saint Michel in Normandia: quando andarci?

Norvegia, aurora boreale

Quando andare nel nord Europa per vedere le aurore boreali?

Langhe, panorama sui vigneti

I profumi delle Langhe ad ottobre

Viaggi ai Tropici

Antigua, spiaggia bianca e mare cristallino

Antigua: il paradiso inglese dei Caraibi

Caraibi, spiaggi e mare

Quando andare ai Caraibi?

quanti giorni per safari in kenya

L’inverno alle isole Laccadive

Viaggi di nozze

Australia, Grande Barriera Corallina

Un viaggio di nozze nel Mar dei Coralli in Australia

Madagascar, lemure

Viaggio di nozze a settembre in Madagascar

Seychelles, palme e mare

Viaggio di nozze alle Seychelles

Crociera Caraibi

Crociera ai Caraibi

Grecia, spiaggia di Zante

Una crociera nel nostro Mediterraneo orientale

Crociera Nord Europa

La crociera nel Nord Europa

quanti giorni per safari in kenya

QuandoAndare.info consiglia i diari di viaggio di  Turisti Per Caso

quanti giorni per safari in kenya

Nessun viaggio in Egitto finché non ci sarà verità e giustizia. E per questo anche QuandoAndare.info chiede a voce alta: Verità per Giulio Regeni!

Altre idee viaggio

  • Destinazioni

Quando andare in Kenya: clima e periodo migliore

elefanti amboseli keya

Periodo migliore

Periodo da evitare, clima e stagioni, cosa portare in valigia.

Affacciato sull'Oceano Indiano, il Kenya ha una costa di ben 400 km piena di conchiglie e coralli, rilievi montuosi e spazi sconfinati di savane dove il colore rosso della terra si contrappone all'azzurro intenso del cielo: è il paese più rappresentativo del continente africano . Difatti, è meta ideale per molte persone e presa d'assalto dal turismo di massa. Qui si trovano animali selvaggi come leoni, elefanti e rinoceronti. Dalla capitale, Nairobi, partono diversi safari che attraversano la riserva Masai Mara , famosa per le annuali migrazioni di gnu, e il Parco Nazionale Amboseli, da dove si può ammirare il celebre monte del Kilimangiaro (di ben 5.895 metri), situato in Tanzania.

Il clima in Kenya varia da zona a zona , quindi per sapere in quale periodo conviene andare bisogna fare una distinzione in base alla regione.

  • Altopiano e parchi nazionali (Nairobi, Masai Mara, Amboseli e Tsavo) il periodo più indicato è in corrispondenza dei mesi di gennaio, febbraio, marzo, ottobre e novembre.
  • Zone costiere (Malindi, Mombasa) il periodo è da ottobre a marzo, che corrisponde all'estate kenyota nonché all'alta stagione turistica.
  • Regione settentrionale (Lago Turkana, Lodwar) luglio e agosto sono i mesi meno caldi. Possono esserci scarse e irregolari piogge nei periodi marzo-maggio e ottobre-dicembre.

In generale si può dire che il periodo migliore corrisponde ai mesi di gennaio e febbraio, durante la stagione secca, o tra giugno e settembre , momento in cui potrete ammirare la grande migrazione degli gnu dal Serengeti in Tanzania, nella riserva naturale Masai Mara. L'alta stagione turistica va da gennaio a febbraio e, a seguire, da giugno a settembre. Tra marzo e maggio (e in misura minore da ottobre a dicembre) si verificano le piogge che, solitamente, non impediscono di fare escursioni. Dunque è in questi mesi che troverete un buon compromesso tra clima e costo. Di seguito alcune escursioni e Safari in Kenya:

  • Sugli altipiani e parchi nazionali il periodo meno indicato è da marzo a maggio;
  • Sulla costa aprile-giugno sono in genere i più piovosi e quelli che presentano il maggior rischio di allagamenti, specialmente ad aprile nelle zone interne e maggio sulla costa;
  • Nella parte settentrionale il clima è arido tutto l'anno, con temperature relativamente più basse a luglio e agosto.

Rischi e pericoli

Il Kenya non si trova nella traiettoria dei cicloni tropicali, tuttavia, la costa a sud dell'Equatore potrebbe esserne interessata (di fatto non è mai accaduto negli ultimi decenni). In rari casi la costa può subire gli effetti di cicloni che si formano nell'Oceano Indiano, i quali portano piogge nei mesi di novembre e dicembre .

panorama kenya africa

Temperature medie e Precipitazioni - Altopiano e parchi (Nairobi - Masai Mara, Amboseli, Tsavo)

tribu maasai kenya

Temperature medie e Precipitazioni - Zone costiere (Malindi, Mombasa)

porto vecchio mombasa kenya

Temperature medie e Precipitazioni - Zona settentrionale (Lago Turkana, Lodwar)

elefanti amboseli keya

Inverno (giugno-agosto)

  • per la costa (Malindi, Mombasa) e lo Tsavo National Park: vestiti leggeri, felpa per la sera, foulard per la brezza, impermeabile leggero;
  • per Nairobi, il Masai Mara e l'altopiano alle quote intermedie: vestiti leggeri per il giorno, maglione e giacca per la sera, impermeabile leggero o ombrello;
  • per le highlands : sopra i 2.000 metri vestiti di mezza stagione, mentre sopra i 3.000 metri, giubbotto caldo e berretto;
  • per il nord e il Lago Turkana: vestiti leggerissimi, coprenti e in tessuto naturale, turbante da deserto, cappello per il sole.

Estate (dicembre-febbraio)

  • per la costa (Malindi, Mombasa) e lo Tsavo National Park: vestiti leggeri e in fibra naturale, felpa leggera per la sera;
  • per Nairobi, il Masai Mara e l'altopiano alle quote intermedie: vestiti leggeri per il giorno, giacca e maglione per la sera;
  • per le highlands : sopra i 2.000 metri vestiti di mezza stagione, impermeabile o ombrello, mentre sopra i 3.000 metri, giubbotto caldo e cappello;
  • per il nord e il Lago Turkana: consiglio vestiti leggerissimi, coprenti e in tessuto naturale, turbante da deserto, cappello per il sole.

Indicazioni generali

  • per l'altopiano raccomando vestiti a strati, cappello per il sole, crema solare, impermeabile per i possibili rovesci;
  • per le riserve, vestiti di colore neutro e scarpe comode di tela;
  • per le montagne indossate scarpe da trekking e, per la cima del Monte Kenya (tutto l'anno), un abbigliamento adeguato per il freddo, giacca, berretto, guanti, sciarpa, occhiali da sole, crema solare;
  • infine, per la barriera corallina, attrezzatura per snorkeling e scarpe acquatiche.
  • Capitale Nairobi
  • Popolazione 48,46 milioni
  • Superficie 580.367 Kmq
  • Lingue lingua swahili e lingua inglese
  • Moneta Scellino keniota (Ksh o Kes) / Cambio: €1,00 = 118,14 Kes; 1 Kes = 0,€0085
  • Documenti i cittadini italiani devono munirsi del passaporto con validità residua di almeno sei mesi e del visto turistico. La permanenza è limitata a tre mesi.
  • Fuso orario +2h rispetto all'Italia, +1h quando in Italia vige l'ora legale
  • Vaccinazioni non ci sono vaccinazioni obbligatorie, ma si consigliano quelle per la febbre gialla, epatite A, epatite B, malaria, tifo. La più consigliata dai medici è la profilassi antimalarica. Per evitare, inoltre, le diffuse infezioni gastro - intestinali si raccomanda di non mangiare cibi crudi, di bere acqua filtrata senza ghiaccio o imbottigliata.

Assicurazione di viaggio: il nostro consiglio

Compagnia di assicurazioni

Hai dei suggerimenti?

Orari, prezzi e altre informazioni cambiano spesso, grazie ai tuoi feedback puoi aiutare migliaia di viaggiatori come te.

4 Assicurazioni Viaggio

4 Estensioni

800 986 782

safari-kenya.jpg (1)

Home > Consigli di viaggio > Safari in Kenya: clima, parchi nazionali e consigli di viaggio

Safari in Kenya: clima, parchi nazionali e consigli di viaggio

17 luglio 2023

Il Kenya , come la Tanzania , è uno dei luoghi migliori al mondo dove poter osservare da vicino e in libertà animali selvaggi come leoni, leopardi e molti altri ancora.

Il Paese, infatti, vanta alcuni Parchi Nazionali tra i più belli del mondo, inoltre, il Kenya è una destinazione molto apprezzata anche da chi ama il mare.

In questa guida di viaggio, troverai molte informazioni utili su come organizzare un viaggio in Kenya per vivere l'esperienza unica di un safari in Africa.

Leggi anche “ Assicurazione Sanitaria di viaggio per Kenya ".

1 . Dove si trova il Kenya

2 . Quali documenti servono per viaggiare in Kenya

3 . Quanto costa un Safari in Kenya?

4 . Dove si può fare il miglior safari in Kenya?

5 . Quali sono i parchi nazionali in Kenya più famosi?

6 . Riserva Nazionale Masai Mara

7 . Parco Nazionale Amboseli

8 . Parco Nazionale di Tsavo East e West

9 . Parco Nazionale di Samburu

10 . Parco Nazionale di Lake Nakuru

11 . Parco Nazionale di Aberdare

12 . Parco Nazionale di Meru

13 . Parco Nazionale di Nairobi

14 . Quali sono le località alternative al Kenya per un Safari in Africa?

15 . Qual è il periodo migliore per un safari in Kenya?

16 . Quale periodo evitare per un safari in Kenya?

17 . Come vestirsi e cosa portare in valigia per un Safari in Kenya?

Dove si trova il Kenya

Il Kenya è un paese dell'Africa orientale, situato sulla costa del Mar Indiano. Confina a nord con l'Etiopia, a est con la Somalia, a sud-est con la Tanzania , a sud con l'Uganda e a ovest con il Sudan del Sud.

Per raggiungere il Kenya dall'Italia, ci sono diversi voli diretti che partono dai principali aeroporti italiani, come Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Venezia Marco Polo.

In alternativa, puoi fare scalo in altre città europee come Amsterdam, Parigi o Londra per poi prendere un volo diretto per Nairobi, la capitale del Kenya.

Quali documenti servono per viaggiare in Kenya

Per viaggiare in Kenya , i cittadini italiani hanno bisogno di un passaporto valido per almeno sei mesi dalla data di arrivo, un visto e un certificato internazionale di vaccinazione contro la febbre gialla.

Leggi anche “ Come fare il passaporto e come rinnovarlo ”.

Il visto può essere richiesto online attraverso il portale ufficiale del governo del Kenya o all'arrivo in aeroporto. Tuttavia, si consiglia di richiedere il visto in anticipo per evitare inconvenienti e lunghe code in aeroporto.

Ricorda che i requisiti per l'ingresso in Kenya potrebbero cambiare, quindi, è sempre meglio verificare le informazioni aggiornate prima della partenza.

Inoltre, si consiglia di verificare se sono necessarie ulteriori vaccinazioni o profilassi farmacologiche per visitare alcune aree del Kenya.

Leggi anche " Assicurazione sanitaria di viaggio per il Kenya ".

Quanto costa un Safari in Kenya?

Il costo di un safari in Kenya dipende dall’alloggio e dalle attività incluse. In generale, il costo di un safari di 3-4 giorni può variare da circa 600 a 1000€ a persona.

Questo include il trasporto, i pasti, l'alloggio in tende o lodge e le tasse del parco nazionale.

Tuttavia, se desideri un'esperienza di safari più esclusiva e lussuosa, il costo può aumentare fino a 3000€ o più a persona per 3-4 giorni. Questo tipo di safari potrebbe includere voli charter, sistemazioni di lusso in lodge o campi tendati, guide private e attività extra come trekking, gite in mongolfiera o safari notturni.

Inoltre, il costo del safari può variare anche a seconda della stagione.

La stagione alta, da giugno a settembre e da dicembre a gennaio, è più costosa, ma offre una migliore vista degli animali durante la grande migrazione.

Dove si può fare il miglior safari in Kenya?

In Kenya ci sono diversi parchi nazionali dove fare un safari, ma uno considerato da molti il più bello è il Masai Mara National Reserve.

Questo luogo è famoso per la sua straordinaria varietà di fauna, tra cui ghepardi, leoni, elefanti e giraffe collocati nelle pianure africane che si estendono fino all'orizzonte.

Potrai anche assistere alla grande migrazione degli animali, che rappresenta uno degli spettacoli naturali più suggestivi del mondo.

Leggi anche “ Dove trovare il mare migliore in Kenya ”.

Quali sono i parchi nazionali in Kenya più famosi?

Ci sono molti parchi nazionali in Kenya, ognuno con la sua bellezza naturale e fauna selvatica unica.

Ecco una lista dei parchi nazionali più famosi in Kenya.

Riserva Nazionale Masai Mara

Si tratta del parco nazionale più famoso del Kenya, noto per la grande migrazione degli gnu e delle zebre.

Parco Nazionale Amboseli

Situato ai piedi del Monte Kilimangiaro, questo parco nazionale è famoso per i suoi grandi branchi di elefanti e la vista spettacolare sulla montagna.

Parco Nazionale di Tsavo East e West

Questo parco nazionale è uno dei più grandi del Kenya, diviso in due parti: Tsavo East e Tsavo West. Presenta una fauna selvatica varia e dei panorami impressionanti.

Parco Nazionale di Samburu

Situato nella regione settentrionale del Kenya, questo parco nazionale è noto per la fauna selvatica e le tribù locali Samburu.

Parco Nazionale di Lake Nakuru

Situato nella Valle del Rift, è la patria dei famosi fenicotteri rosa e di molte altre specie di uccelli.

Parco Nazionale di Aberdare

Situato sui monti Aberdare, questo parco nazionale ha un paesaggio diversificato e una fauna selvatica unica.

Parco Nazionale di Meru

Situato nella regione centrale del Kenya, questo parco nazionale presenta una fauna selvatica unica unita alla bellezza naturale dei paesaggi.

Parco Nazionale di Nairobi

Situato appena fuori dalla città di Nairobi, è un piccolo parco nazionale che ospita varietà particolari di animali selvatici, tra cui i rinoceronti bianchi e neri.

Quali sono le località alternative al Kenya per un Safari in Africa?

Ci sono molte alternative che possono offrire un'esperienza di safari altrettanto unica e memorabile.

Per esempio, puoi valutare di visitare il Parco Etosha in Namibia, famoso per il grande numero di elefanti e leoni.

Oppure, dirigiti verso il Parco Nazionale di Chobe in Botswana, dove potrai ammirare la fauna selvatica sotto un nuovo punto di vista con un safari in barca.

Queste sono solo alcune delle possibili alternative a un safari in Kenya, per saperne di più leggi anche “ Safari in Africa: le migliori destinazioni per la vostra avventura ”.

Qual è il periodo migliore per un safari in Kenya?

Il periodo più consigliato per un safari in Kenya è durante la stagione secca, che va da giugno a ottobre.

Questo è il momento in cui gli animali si radunano vicino alle fonti d'acqua e diventano più facili da avvistare.

Se desideri risparmiare sui costi, il periodo tra marzo e maggio è il momento ideale per te.

Indipendentemente dal momento che scegli, ricorda che un safari in Kenya è un'esperienza unica nella vita che ti lascerà a bocca aperta.

Quale periodo evitare per un safari in Kenya?

Il periodo da evitare per un safari in Kenya dipende dalle preferenze personali e dagli interessi specifici del viaggiatore.

In generale, ci sono due stagioni principali da considerare:

  • Stagione delle piogge lunghe : va da metà marzo fino alla fine di maggio. Durante questo periodo, le piogge possono essere abbondanti e la vegetazione è molto rigogliosa. Ciò rende il paesaggio molto bello e gli spostamenti all'interno del parco più difficili per vedere la fauna selvatica. 
  • Stagione delle piogge corte : va da novembre a dicembre. Questa stagione presenta piogge sporadiche che non durano tutto il giorno. Il paesaggio diventa verde e rigoglioso, perfetto per le foto. Tuttavia, alcune strade potrebbero essere difficili da attraversare.

Come vestirsi e cosa portare in valigia per un Safari in Kenya?

Per un safari in Kenya, è importante vestirsi in modo adeguato per affrontare le condizioni climatiche e ambientali.

Per prima cosa, è importante portare capi di abbigliamento leggeri e traspiranti, preferibilmente in tessuti naturali come il cotone o il lino, pertanto, è bene evitare i tessuti sintetici perché non assorbono l'umidità e possono causare disagio durante le escursioni. Inoltre, è consigliabile indossare colori neutri come il beige, il khaki o il verde oliva che si mescolano con il paesaggio e non spaventano gli animali selvatici.

Ricorda poi di portare anche un giubbotto o una felpa per le serate più fresche e un impermeabile per le giornate piovose, e di utilizzare scarpe comode, chiuse e resistenti alla polvere e alle intemperie, evita quindi sandali e infradito, meglio scarpe da trekking.

Metti in valigia anche un cappello o una bandana per proteggere la testa dal sole e dalla polvere. inoltre, non dimenticare di portare occhiali da sole e uno zaino per portare gli oggetti personali come telefoni cellulari, fotocamere e acqua.

Author avatar

Giorgia Alto

quanti giorni per safari in kenya

Italia : il territorio della Repubblica Italiana, la Repubblica di San Marino, la Città del Vaticano. Relativamente ai viaggi con destinazione Italia, la copertura opera per qualsiasi spostamento che implichi un pernottamento a più di 150 km dal luogo di residenza. 

Europa : il continente europeo ad ovest dei Monti Urali, ivi comprese le isole attigue e i paesi non europei che si affacciano sul Mediterraneo (ad esclusione di Algeria, Libano, Libia e Israele, per l'inclusione dei quali è necessario selezionare l'opzione "Mondo intero escluso USA/Canada/Caraibi").

Mondo Escluso USA/Canada/Caraibi/Messico : qualunque regione del mondo ad esclusione di Stati Uniti d'America, Canada, Caraibi, Iran, Corea del Nord, Siria, Sudan, Sud Sudan e Crimea (regione dell'Ucraina).

Mondo Intero (include USA/CANADA e i seguenti Paesi Caraibici : Anguilla, Antigua e Barbuda, Antille olandesi, Aruba, Bahamas, Barbados, Belize, Colombia, Costa Rica, Cuba, Dominica, Giamaica, Grenada, Guadalupa, Guatemala, Guyana, Guyana francese, Haiti, Honduras, Isole Cayman, Isole Vergini britanniche e americane, Martinica, Messico, Montserrat, Nicaragua, Panamá, Porto Rico, Repubblica Dominicana, Saint Kitts e Nevis, Saint Vincent e Grenadine, Santa Lucia, Suriname, Trinidad e Tobago, Turks e Caicos, Venezuela.

quanti giorni per safari in kenya

Non Solo Turisti

Safari in Kenya: quali animali vedere e dove osservarli

Come primo viaggio in Africa assieme non potevamo scegliere di meglio. Il Safari in Kenya è una di quelle avventure che ti rimane dentro anche a distanza di anni, anche quando torni a casa tra tutti gli agi e i comfort possibili. Le emozioni che si provano nella savana sono indelebili, uniche.

Siccome era il nostro primo Safari in Kenya abbiamo deciso di dedicare sei giorni in tre delle maggiori riserve naturali presenti in Kenya: Masai Mara, Lake Nakuru e Amboseli .

La speranza di vedere più animali possibile era tanta. Il sogno più grande era ovviamente quello di vedere tutti i cosiddetti “ Big Five ”, ovvero: l’elefante, la giraffa, il rinoceronte, il leone e il ghepardo.

Sogno che si è realizzato e che è stato condito dall’osservazione di tantissimi altri animali. Questo anche perché agosto è il periodo migliore in cui andare, vista la migrazione degli animali dal Kenya alla Tanzania, e per fortuna siamo stati premiati.

Ecco dunque quali animali puoi incontrare per ciascuna di queste tre riserve naturali .

Lake Nakuru

Amboseli national park.

Il Masai Mara è la riserva per eccellenza del Kenya . La più famosa e turistica, tanto che è stata d’ispirazione anche per realizzare “ Il Re Leone ”. A bordo del nostro van abbiamo passato circa 11 ore nel Masai Mara e questi sono gli animali che abbiamo visto.

Il battesimo del nostro Safari in Kenya è stato con mandrie di zebre, antilopi e gnu che brucavano tranquillamente tutti assieme. Poi è stata la volta delle maestose giraffe , dei piccoli facoceri, delle scattanti gazzelle e dei rinoceronti mentre dormivano nel fiume Mara, anche se a prima vista sembravano delle enormi rocce.

quanti giorni per safari in kenya

Ma gli incontri più speciali li abbiamo avuti con i leoni e i ghepardi. Con i leoni siamo stati particolarmente fortunati, perché alcuni sono passati a due metri dal nostro van e li abbiamo visti vicinissimi. Mentre invece i ghepardi li abbiamo visti in lontananza, con il binocolo, mentre il maschio si cibava di una carcassa e la mamma portava a spasso i cuccioli.

Infine, abbiamo concluso il nostro Safari nel Masai Mara con la vista di altri tre animali: bufali, elefanti , anche se da molto lontano, e un enorme pitone che strisciava a pochi metri da noi.

Nel Lake Nakuru la flora è totalmente diversa dato che il verde è il colore dominante , mentre la fauna rimane abbastanza simile a quella del Masai Mara. Gnu, zebre, antilopi, gazzelle, impala e facoceri sono all’ordine del giorno e ne abbiamo visti a decine anche in questa meravigliosa riserva.

Abbiamo però potuto ammirare da molto vicino i bufali , appena incrociati nel Masai Mara; i babbuini, contraddistinti dal loro sedere rosso; ma soprattutto i rinoceronti bianchi , uno dei Big Five.

Lake Nakuru

Il Lake Nakuru è infatti il luogo ideale per vedere i rinoceronti bianchi , dato che nelle altre riserve praticamente non esistono, e noi siamo stati talmente fortunati da vederne tre, molto vicini al nostro van. Con il binocolo poi si potevano apprezzare ancora più nel dettaglio la pelle grinzosa dei rinoceronti e il grande corno, caratteristica principale del rinoceronte.

Inoltre, ci siamo anche fermati con il van vicino al lago dove abbiamo potuto osservare decine di piccoli fenicotteri rosa intenti ad abbeverarsi. Questi sono gli unici animali però che ci hanno un po’ deluso, perché ci aspettavamo che fossero alti e maestosi come quelli della Repubblica Dominicana, mentre invece avevano le dimensioni delle anatre e un colore rosa pallido, non il rosa intenso che ci immaginavamo.

L’ultima riserva che abbiamo visitato è stato l’ Amboseli National Park . Questa riserva è famosa specialmente per una tipologia di animale che si può ammirare da molto vicino: l’elefante.

Durante il nostro game drive di 8 ore nell’Amboseli abbiamo visto almeno un centinaio di elefanti , di cui una ventina a pochi metri da noi. Un’emozione indescrivibile, un mix di stupore e timore, perché gli elefanti sono molto protettivi , specie verso i piccoli, e se si sentono minacciati possono “caricare” e attaccare i van.

l’Amboseli National Park

Per fortuna non è successo nulla, anche perché ci tenevamo a debita distanza di sicurezza, ma in qualche attimo non nascondiamo di aver sudato freddo, dato che gli elefanti si dirigevano verso di noi a passo sostenuto.

Oltre agli elefanti, però, si possono ammirare nuovamente i leoni e anche le iene. Noi poi abbiamo assistito alla scena più incredibile di tutti i sei giorni di game drive: un leone intento a sbranare la carcassa di uno gnu , mentre tre iene sbavanti aspettano il loro turno a pochi metri dal leone. Faceva impressione il rispetto che le iene nutrivano verso il leone, pur essendo in tre contro uno e ci è venuto subito in mente “Il Re Leone” come similitudine. Davvero una scena pazzesca, che con il binocolo abbiamo apprezzato ancora meglio.

l’Amboseli National Park

Questi sono i tre animali più importanti che si possono osservare nell’Amboseli, ma ovviamente non mancano le classiche mandrie elencate precedentemente: gnu, zebre, antilopi, impala, gazzelle, facoceri, giraffe , ma anche struzzi, ippopotami, babbuini e addirittura i pesci gatto .

Insomma, se vuoi vedere più animali possibili ti consigliamo di visitare queste tre riserve e di attrezzarti a dovere, perché per godersi a pieno un Safari in Kenya bisogna prestare attenzione e non dimenticare alcuni oggetti fondamentali. Ecco quali:

  • Binocolo : Ideale per avvistare gli animali e osservarli più da vicino
  • Insetticidi : indispensabili per tenere lontano insetti
  • Bandana : questa è davvero utile contro la polvere che inevitabilmente si respira durante i game drive
  • Occhiali da sole : così da riparare gli occhi dal sole giornaliero e dalla polvere
  • Cappello : a tratti il sole è davvero cocente per cui un cappello è necessario per riparare la testa
  • Adattatore : in Kenya vige la presa “all’inglese” per cui se vuoi caricare qualsiasi apparecchio ricorda di portare un adattatore apposito
  • Carica batterie portatile : utilissimo se sei dipendente dal cellulare come noi
  • SIM africana : ancor più utile se vuoi navigare su internet anche nella savana
  • Crema solare : se sei bianco come noi anche la crema solare sarà un’alleata preziosa durante le ore più calde della giornata
  • Vestiti pesanti : non si direbbe, ma anche nella savana fa freddo, specialmente la mattina presto e la sera, quando si arriva anche a 5-6 gradi

l’Amboseli National Park

Sara e Lorenzo, 25 anni. Facciamo base a Bologna ma la nostra casa è il mondo. La parte più bella di un viaggio è la condivisione, e The Travelization vuole essere la nostra community, dove ognuno può raccontare la sua avventura. Del viaggio in sé amiamo ogni aspetto: la partenza, quando abbiamo in corpo tutta l’adrenalina e la voglia di goderci al meglio l’esperienza; la permanenza, quando entriamo a contatto con la cultura del posto, ci immergiamo in una nuova realtà e assaggiamo la cucina tipica; e addirittura il ritorno, perché possiamo cominciare già a pensare a pianificare la prossima meta

Condividi su

quanti giorni per safari in kenya

1 commento su “Safari in Kenya: quali animali vedere e dove osservarli”

Nei big Five c’è il leopardo non il ghepardo

Lascia un commento Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati .

Logo

Quanto costa un Safari in Kenya? Come risparmiare senza sorprese!

Vuoi fare un safari in kenya e sei alla ricerca di prezzi ed informazioni utili in questo articolo, cercheremo di fornirti una panoramica completa sui costi per visitare i vari parchi del paese, aiutandoti a compiere la scelta migliore ed a tutelarti dalle insidie che potresti incontrare . sei pronto benissimo, allora buona lettura.

Per comodità abbiamo suddiviso i Safari in Kenya per numero di notti.

  • Safari 1 notte  – scopri il costo
  • Safari 2-3-4 notti –  scopri il costo
  • Safari 5-6 notti –  scopri il costo
  • Safari Aereo  –  scopri il costo
  • Viaggio di Nozze – scopri il costo

Vai alla tabella dei prezzi

Soggiorni a Watamu? Ecco il Safari che fa per te! Parco Tsavo Est da 200€ (1 notte)

Il Parco è estremamente accessibile per i viaggiatori che soggiornano nella zona di Watamu e Malindi,  infatti si raggiunge in Jeep in 2/3 ore (stanno asfaltando la strada che conduce al parco, quindi i tempi si accorceranno ulteriormente), è possibile visitare il parco in giornata, ma noi consigliamo di passare almeno 1 notte nei meravigliosi Lodge interni o appena fuori dal parco, il pernottamento può essere nella classica camera + bagno o in campo tendato (esperienza fantastica da provare). Tutti i Lodge offrono un servizio di buon livello, alcune strutture sono veramente notevoli con piscine, saune e la possibilità di svolgere attività di fitness.

Tenda presso Voi Wildilife Lodge

Il costo parte da 200€ a persona adulta , ci sono agevolazioni per bambini e gruppi. Consigliamo in ogni caso di consultare il programma e richiedere sempre un preventivo dettagliato, il costo potrebbe essere più accessibile in determinati periodi dell’anno e dipende principalmente dalla struttura in cui deciderete di pernottare.

IMPORTANTE –   Scegliere la Jeep (non il pulmino) per vari motivi. Le strade del parco sono talvolta tortuose e quindi la Jeep è più adatta e confortevole, ma sopratutto perché solo con la Jeep si possono raggiungere punti di avvistamento e sentieri più nascosti e fruttuosi!

ATTENZIONE –   Prenotate il safari con anticipo! Per chi fa la classica vacanza mare a Watamu , consigliamo di organizzare il Safari nei primi giorni della settimana per poi terminare la vacanza in relax. Inoltre, prenotando prima potrete godere di una maggiore scelta per quanto riguarda i Lodge ed i campi tendati.

Jeep Safari (7 + 2 posti)

Il migliore Safari in Kenya? Vola al Masai Mara! Parco Masai Mara da 700€ (1 notte)

Facciamo riferimento sempre ai turisti che soggiornano a Watamu e Malindi, punto di partenza per il 90% dei safari che organizziamo. Possiamo dire con assoluta certezza che il parco Masai Mara offre l’esperienza più appagante per chi vuole fare un safari di pochi giorni in Kenya, il costo del Safari Masai Mara è più impegnativo per via del volo aereo , (si parte dall’aeroporto di Malindi) il parco si trova a circa 700 km verso nord-ovest e per raggiungerlo in Jeep sarebbe necessario un giorno intero di viaggio da Malindi-Watamu.

Aeroporto Masai Mara

Il Masai Mara è l’estensione in Kenya del famosissimo parco del Serengeti della Tanzania, è una riserva molto ricca di animali con la più alta concentrazione di Leoni. Nel periodo compreso tra luglio ed agosto è possibile assistere ad un fenomeno estremamente affascinante: la migrazione degli Gnu . Migliaia di capi attraversano il confine dalla Tanzania al Kenya in cerca di pascoli più abbondanti… la sosta degli Gnu all’interno della riserva del Masai Mara dura circa 2 mesi, in questo periodo molti animali predatori approfittano della grande quantità di bestiame per cacciare. E’ estremamente probabile assistere a scene di caccia con rincorse ed agguati da parte di Leoni, Leopardi, Ghepardi ed altri animali predatori.

Migrazione degli Gnu Masai Mara

IMPORTANTE  – Consigliamo di dedicare almeno 3giorni e 2 notti a questo safari , per ammortizzare il viaggio aereo, ma sopratutto per godere a pieno delle moltissime opportunità che offre questo Safari in relazione a quantità di animali e luoghi da visitare.

ATTENZIONE  – Il volo interno è operato con velivoli ad elica di piccole dimensioni, in Kenya i trasferimenti interni negli ultimi anni sono stati pesantemente ridotti ed esistono poche compagnie veramente affidabili, consigliamo di richiedere con largo anticipo un preventivo , per beneficiare di eventuali raggruppamenti in aereo (i velivoli in genere hanno 6-8 posti) e prenotare con le compagnie più affidabili.

Safari di 3 giorni e 2 notti. Costi alla portata di tutti! Parco Tsavo Est + Tsavo Ovest Parco Tsavo Est + Amboseli Parco Tsavo Ovest + Amboseli costi a partire da da 370€ 

Il parco Tsavo Est, il Parco Tsavo Ovest ed il Parco Amboseli si trovano nella stessa area geografica del Kenya , lo Tsavo si può definire un parco unico diviso in Est ed Ovest dal fiume Galana, l’Amboseli invece dista circa 100 Km verso nord ovest.

Confine Tsavo Est - Ovest fiume Galana

Il punto di partenza di questi Safari è sempre Watamu , l’itinerario prevede di raggiungere e visitare per primo il parco Tsavo ed il giorno seguente trasferirsi in uno dei due parchi adiacenti. Anche per questi Safari consigliamo di preferire la Jeep , anche se con il pulmino si potrebbe risparmiare qualcosa… qui sotto il dettaglio dei costi. Ogni parco necessita di almeno 1 giorno per poterlo visitare, quindi il costo di questi safari comprende 2 notti di pernottamento. I costi variano, anche in questo caso, in relazione alle strutture dove si decide di passare la notte , per completezza riportiamo i costi base per un Safari in Kenya di 3 giorni e 2 notti nelle varie combinazioni:

SAFARI CON JEEP Costo Safari in Kenya di 3 giorni  (2 notti) con Lodge di Categoria Superiore: 400€ a persona (4 stelle o più) Costo Safari in Kenya di 3 giorni (2 notti) con Lodge di Categoria Inferiore: 380€ a persona (3-4 stelle)

SAFARI CON PULMINO Costo Safari in Kenya di 3 giorni (2 notti) con Lodge di Categoria Superiore: 385€ a persona (4 stelle o più) Costo Safari in Kenya di 3 giorni (2 notti) con Lodge di Categoria Inferiore: 370€ a persona (3-4 stelle)

IMPORTANTE  – Sebbene il famoso Kilimangiaro si trovi in Tanzania, in linea d’aria dista circa 20 km dal parco Amboseli, consigliamo di scegliere il safari con questo parco per chi vuole vedere il leggendario vulcano più alto d’Africa e fotografare Zebre, Giraffe ed Elefanti con sullo sfondo la sua vetta innevata.

TAITA HILLS  – Sempre per chi sceglie il safari con il parco Amboseli è possibile visitare la riserva naturale di Taita Hills (è necessario aggiungere all’itinerario 1 giorno e 1 notte). Taita Hills è una zona molto suggestiva del Kenya a nord del parco Amboseli, si trova in un area montuosa immersa nel verde molto ricca di animali. La particolarità di questo parco, oltre al paesaggio estremamente suggestivo e diverso dalla savana è la possibilità di fare un safari notturno.

Elefanti presso il parco Taita Hills

Safari in Kenya di una settimana. Un esperienza indimenticabile

Safari di 6 giorni (5 notti).

Masai Mara + Nakuru Lake + Amboseli + Tsavo Est

Safari di 7 giorni (6 notti)

Masai Mara + Nakuru Lake + Amboseli + Tsavo Est + Tsavo Ovest

costi a partire da 1220€

Nairobi è il punto di partenza di questi 2 Safari , la famosa capitale si trova al centro di un triangolo immaginario che collega i parchi Nakuru, Masai Mara e Tsavo, risulta quindi più agevole e (vedremo in seguito) anche meno costoso , partire Nairobi rispetto che da Mombasa o Malindi.

Camera Lodge parco Nakuru Lake

L’itinerario prevede di iniziare il safari dal parco Masai Mara , in questo caso da Nairobi con solo 3 ore di Jeep si arriva all’ingresso del Parco, da Mombasa o Malindi sarebbe necessario un trasferimento aereo, in quanto sarebbero necessarie 12 ore di Jeep. Abbiamo già detto che il Masai Mara è il parco che offre un esperienza unica nel suo genere per l’enorme quantità di animali che lo abita, si passano 2 giorni in questo parco e poi si procede a Nord verso Nakuru Lake , questa riserva prende il nome dall’omonimo lago che contraddistingue il paesaggio verdeggiante e ricco di vegetazione ed animali d’acqua come i bellissimi fenicotteri Rosa. Questo parco è abitato anche da Rinoceronti ed una vastissima varietà di uccelli. Terminata la visita di un giorno al Nakuru Lake si parte per l’Amboseli, il trasferimento è piuttosto lungo e si arriva verso l’ora di pranzo, (circa 6 ore), da questo parco è visibile a poca distanza il famoso Kilimangiaro . Il giorno seguente si riparte per il parco Tsavo, nel caso del safari di 6 giorni si visita solo lo Tsavo Est, per il safari di 7 giorni si attraversa il fiume Galana e si visita anche lo Tsavo Ovest.

IMPORTANTE – Il grande vantaggio di questi 2 itinerari, sta proprio al termine del safari, infatti l’utlimo parco previsto dal programma è lo Tsavo che si trova circa a metà strada tra Nairobi e Malindi, poche ore di trasferimento per chi rientra , ma i più attenti hanno già intuito che diventa estremamente interessante terminare il viaggio nella costa e passare qualche giorno di relax nello splendido mare di Watamu.

Sardegna-due-Watamu-offerte-safari

Nella tabella qui sotto tutte le opzioni disponibili, cliccate sui link di vostro interesse per vedere il programma completo e richiedete il vostro preventivo personalizzato.

CONSIGLI FINALI

Siamo giunti al termine del nostro racconto, speriamo di essere stati chiari ed esaustivI. Vogliamo darvi ancora qualche consiglio utile per vivere al meglio il nostro meraviglioso paese:

  • Consultate il medico prima di partire per il vostro Safari in Kenya, vi consiglierà di prendere dei fermenti prima e durante il viaggio e vi darà indicazioni su come affrontare imprevisti ed il tema della Malaria (tratteremo questo aspetto nei prossimi articoli, seguiteci!)
  • Portate con voi lo stretto necessario, l’ideale per viaggiare in safari è un trolley piccolo, non dimenticate un cappotto e qualche indumento “pesante” talvolta la sera fa un po freschino.
  • Non dimenticate obbiettivi e macchina fotografica, per favore non affidatevi agli smartphone, certi scatti potrebbero essere disponibili solo una volta nella vita 🙂
  • E per finire, ma non per ultimo, attenetevi strettamente alle regole ed ai consigli delle guide, è estremamente importante osservare diligentemente le istruzioni e le precauzioni che vi verranno impartite alla partenza dei safari, vi ricordiamo che state visitando luoghi selvaggi abitati da predatori ed animali pericolosi.

Grazie per la vostra lettura, speriamo di esservi stati utili… non esitate a contattarci per qualsiasi informazione, oppure commentate qui sotto le vostre esperienze…  a presto!

83 Commenti

' src=

fuck google

yandanxvurulmus.NW0vSXjDyJ7w

' src=

preregistration

xbunedirloooo.K4VH4unzdrA4

' src=

reinciting xyandanxvurulmus.ETj8qn6aMUZR

' src=

calibrator xyandanxvurulmus.WjNIbZWR26oB

' src=

bahis siteleri child porn vurgunyedim.OBAcvD1YFMZH

' src=

craft porn yaralandinmieycan.M9GEhzdBUUkF

' src=

fuck citixx.8s6Iyv3pwXtL

' src=

house porn hyuqgzhqt.pDSTPxyucWHU

' src=

bahis siteleri child porn

bahis siteleri porn ewrjghsdfaa.huBqgYpAxqA6

' src=

bahis siteleri incest category

craft porn wrtgdfgdfgdqq.Cj42UtKu5Xsw

' src=

amciik siteleri

porn sex wrtgdfgdfgdqq.PpqGqaKMLJSK

' src=

eski rahatiniz olmayacak

bahis siteleri sikis wrtgdfgdfgdqq.kSSnQQxmu7cs

' src=

porno deneme bonusu

Porno keyfini Evooli ile daha iyi çıkartıp hazzı doruklarda yaşamaya hazırsan, hadi durma HD Porno Filmlerini ücretsiz izle.

' src=

sektor benim zaten amin evladi pompadirha.JrytxqAoPCbr

' src=

seks siteleri asillartaklitler.KLggDgPAFvkl

' src=

fuck google hephupx.0JAVwM9INJgH

' src=

seksi siteler

am siteleri hepxhupx.VklO10RydJgk

' src=

fuck google juljulfbi.1i9Ujet9fSYM

' src=

childrens sex

porn sex bjluajszz.vvE3OjtF0B6h

' src=

escort bxjluajsxzz.rJqArY0ONzFD

' src=

bahis porno

BİZİ SİK BİZ BUNU HAK EDİYORUZ 0qbxjluaxcxjsxzz.r69Qnnw7k3BO

' src=

Delhi Escorts

Delhi Escorts Services has gorgeous females who provide Independent Escort Services in Delhi call girls at 100% satisfaction with VIP models. Provided Delhi escorts at our agency are professional and are eager to serve you at your place.

' src=

Online bahis dünyası sürekli olarak gelişmekte ve bahis severler için yeni fırsatlar sunmaktadır.

' src=

deneme bonusu

senin bacini sikiyim

' src=

Hello from Happykiddi.

' src=

Fake Rolex Hulk

' src=

can nps assist in surgery

' src=

Ankara Web Tasarım

' src=

erkek parfüm

Sitedeki indirimler gerçekten çok cazip, her zaman buradan alışveriş yapmayı tercih ediyorum, herkese tavsiye ederim, teşekkürler.

' src=

İstanbul nakliyat

İstanbul şehirlerarası nakliyat

' src=

İnstagram düşmeyen takipçi satın al

thanks good.

' src=

fenomenyerim

thanks very good. wow.

' src=

Thank You for the Useful Content It Was Beneficial

takipçi satın al

Beğeni satın al, youtube abone satın al, tiktok izlenme satın al, instagram takipçi satın al, bayan takipçi satın al, fenomenyerim.com, dusmeyentakipci.net, takipçi hilesi.

' src=

hot porn download

pron download hd gghkyogg.MIaXj7TDIip

' src=

April Costa

I just like the helpful information you provide in your articles

super clone rolex

' src=

you porn hd videos

porn k hd ggjennifegg.6I6ZK7eD1Yv

' src=

porn video free download in hd

full hd pron videos download ggjinnysflogg.Eoqq57e5JuU

' src=

Andrea Flynn

Nice post. I learn something totally new and challenging on websites

Fake Rolex Watches

' src=

Salvador Edwards

' src=

İstanbul Personel Taşimacılıgı

' src=

Amanda I. C. Rose

Your ideas and insights are unique and thought-provoking I appreciate how you challenge your readers to see things from a different perspective

' src=

Ana Y. Rowe

Hocam Ellerinize Sağlık Gastronize bardak yıkama hakkında Detaylı ve Güzel Makale Olmuş.

' src=

Kane Rodriguez

I very delighted to find this internet site on bing, just what I was searching for as well saved to fav

' src=

Griffin H. Morton

Your posts are so thought-provoking and often leave me pondering long after I have finished reading Keep challenging your readers to think outside the box

' src=

Cannon Banks

Hocam Ellerinize Sağlık Joseph Campbell Hakkında Detaylı ve Güzel Makale Olmuş.

hesap social

Whyper sosyal, steam key satın al.

can nurse practitioners assist in surgery

' src=

Azariah Small

Hocam Ellerinize Sağlık, köpek oteli hakkında Detaylı ve Güzel Makale Olmuş.

' src=

Antwan Mejia

For the reason that the admin of this site is working, no uncertainty very quickly it will be renowned, due to its quality contents.

Personel Taşımacılığı

' src=

Kasey Clarke

I hope these messages are helpful!.

' src=

Amiya Lynch

This is really interesting, You’re a very skilled blogger. I’ve joined your feed and look forward to seeking more of your magnificent post. Also, I’ve shared your site in my social networks!

' src=

Heidy Mercer

I really like reading through a post that can make men and women think. Also, thank you for allowing me to comment!

' src=

pendik escort

' src=

Emmaline M. Beasley

Every time I read a new post, I feel like I’ve learned something valuable or gained a new perspective. Thank you for consistently putting out such great content!

' src=

Roland Arellano

' src=

fashionflag www.hd pirn

fashionflag porn com full hd fashionflag.75dK02cnx5X

' src=

goodhere Random porn

goodhere Fetish porn vurucutewet.emzdVbYf1HU

' src=

ladyandtherose Funny Porn

ladyandtherose Hardcore porn backlinkseox.lQESmXlxO9k

' src=

jenniferroy ハードコアポルノ

jenniferroy 三人組ポルノ japanesexxporns.1oXKrckWMFj

' src=

landuse Big cock porn

landuse Mixed porn lancdcuse.7cFS7Zz4grh

' src=

falbobrospizzamadison Man Masturbating porn

falbobrospizzamadison Random porn jkkıjxxx.bnhmQS5y8gq

' src=

tuzla escort

' src=

बड़े स्तन अश्लील

वी आर अश्लील qqyyooppxx.KCwnkUJqHPy

' src=

अंतरजातीय अश्लीलता के बारे में बतावल गइल बा

एशियाई अश्लीलता के बारे में बतावल गइल बा hjkvbasdfzxzz.YFzb0qdo1OI

' src=

शौकिया अश्लीलता

छोटे स्तन अश्लील txechdyzxca.yYbHb4NPdST

' src=

Desirae Daniel

Awesome! Its genuinely remarkable post, I have got much clear idea regarding from this post

' src=

köpek eğitimi istanbul

Hello friends, this is the first time I visit this site, they share good topics, I will always follow them and recommend them to my friends.

Save my name, email, and website in this browser for the next time I comment.

quanti giorni per safari in kenya

Come organizzare un safari in Kenya - Tutto quello che devi sapere

Guida pratica all'organizzazione del perfetto safari in kenya.

Il Kenya, come la Tanzania , è meta di safari per eccellenza. Rispetto alla Tanzania, però, i costi sono un pochino più bassi in quanto lo stato è aperto al turismo da più tempo ed è quindi meno esclusivo.

Meno esclusivo non significa, però, di bassa qualità. Semplicemente i parchi sono più rodati, visitati da più tempo e da più persone e anche più piccoli di quelli tanzani. Quando dico piccoli ovviamente lo dico paragonandoli agli immensi spazi selvaggi protetti della Tanzania , ma anche in Kenya possono servire giorni e giorni per percorrere i parchi in lungo e in largo.

In Kenya i paesaggi sono incredibilmente affascinanti. Dall'alba al tramonto si susseguono colori e ritmi di vita animale dai quali farsi incantare. E' facile innamorarsi dell'Africa con un safari.   E' pazzesco vivere la natura in maniera così viscerale. Infine immediato è capire che il mal d'Africa ci ha colpito.

Anche se il Kenya è uno stato abituato al turismo da safari fin dagli anni Settanta, siamo comunque in East Africa. Reperire informazioni da casa per organizzare il safari dei propri sogni è complicato.

Rivolgersi alle agenzie significa ricevere proposte standard e pacchetti preconfezionati che spesso non riescono a soddisfare esigenze e preferenze personali. Cercare online è complesso perchè la domanda è a chi affidarsi? Di chi fidarsi? Chi c'è dietro? Come vengono ripartiti i soldi spesi?

Con questo post cerco di darvi delle dritte utili per Clicca qui facendo le giuste valutazioni. Non lasciate nulla al caso: l'Africa fornisce una serie di imprevisti già da sè. Meglio evitare brutte sorprese per la fretta di prenotare o per errate considerazioni pre partenza.

Ecco dunque punto per punto quali sono gli elementi da valutare per organizzare un safari in Kenya.

Se stai organizzando un safari in Africa assicurati di leggere questi post:

  • Guida all'organizzazione di un safari in Tanzania
  • Dove fare safari meravigliosi in Africa
  • Come organizzare un safari nel Parco Nazionale Etosha in Namibia

Kenya Safari

Quale aeroporto scegliere per fare un safari in Kenya

In Kenya gli aeroporti principali da tenere in considerazione per i safari sono due: quello di Nairobi e Mombasa . Il primo nell'entroterra e il secondo sulla costa dell'Oceano Indiano.

A seconda dei parchi che si intende perlustrare si sceglie l'uno o l'altro. Ancora meglio, se si hanno a disposizione almeno due settimane, atterrare a Nairobi e rientrare da Mombasa. In questo modo la scoperta del Kenya è completa e al lungo safari si può aggiungere qualche giorno al mare.

I voli per il Kenya dall'Italia, se comprati in anticipo, possono costare anche €400 andata e ritorno . Per controllare tariffe aggiornate e differenti soluzioni di volo clicca qui .

Quali documenti servono per viaggiare in Kenya 

Il passaporto è logicamente necessario, corredato da un visto turistico che può essere richiesto in Ambasciata prima di partire oppure direttamente in aeroporto . Per evitare code all'arrivo, magari ad orari notturni, io consiglio di farlo prima della partenza. Il visto costa €40 o $50 .

Il passaporto deve avere almeno 6 mesi di validità dal momento in cui si entra nel Paese,

Il libretto delle vaccinazioni e specialmente quello della Febbre Gialla sono obbligatori, ma ve lo diranno anche all'ASL in fase di consultazione medica.

Quali parchi visitare durante un safari in Kenya

I parchi più famosi e più consigliati sono tutti nel centro sud del Paese.

Famosissimo il Masai Mara , è l'estensione naturale del tanzano Serengeti. E' qui che si svolge il maggior numero di safari nei quali è pressochè garantito l’avvistamento dei big5 e questo rende il parco un must see. Si adagia totalmente nella Grande Rift Valley e questo lo rende unico tra i parchi del Kenya. E' l'ideale per chi ha pochi giorni a disposizione e vuole rimanere nelle vicinanze di Nairobi, perchè questo è un parco che dà tutto se stesso.

Raggiungibili facilmente da Nairobi anche il Samburu , a nord della città, e l' Amboseli più est. Quest'ultimo è il parco dal quale è possibile ammirare dal versante kenyota il Kilimanjaro: la montagna più alta d'Africa. Abbinarlo al Masai Mara è facile se si prevedono almeno 5 giorni di safari.

Per chi volesse rimanere vicino alla costa e garantirsi comunque un safari di tutto rispetto, consiglio lo Tsavo National Park che si suddivide in East e West. E' un parco enorme e molto vario, facilmente raggiungibile dalla costa consiglio di includere una notte nel parco o nei suoi dintorni.

Ci sono altri parchi interessanti nel nord del Paese, ad esempio vicino al lago Turkana, ma l'attuale instabilità politica ed economica di quelle aree li rendono poco sicuri al turista.

LEGGI - Migliori parchi per safari in Kenya

Kenya safari

Combinare il safari con il trekking in Kenya 

In Tanzania la risposta immediata sarebbe: al Kilimanjaro ! Il Kenya invece vanta una sua montagna da primato: il Monte Kenya appunto. E' la più alta dello stato ed anche la seconda più alta d'Africa con i suoi 5199 m slm, insomma un colosso di tutto rispetto.

Il parco che si sviluppa sulle sue pendici consente di fare un safari particolarissimo, in un ambiente naturale quasi alpino per le sue caratteristiche geografiche e la biosfera unica al mondo.

Memorabile è anche un trekking sul Monte Kenya, accompagnati da guide alpine con tutto l'occorrente per il campeggio e la salita alla conquista della vetta da record. Per fare questo sono necessari almeno 4 o 5 giorni.

Il mare dopo il safari in Kenya 

Malindi è il luogo dei resort di lusso e del turismo di massa. L'offerta di soluzioni eccezionali e il mare da favola qui non mancano e si integrano con uno spirito africano in evoluzione e in grado di soddisfare le esigenze del turista europeo più pretenzioso.

Più tranquilla e ancora autentica Diani Beach che con i suoi 13 Km di costa a sabbia bianca e fine come il borotalco attrae turisti da tutto il mondo.  Alle spalle di Diani un entroterra rigoglioso ed esplorabile con gite in giornata riavvicina la mente ai safari dell'entroterra. 

Guardando il mare, invece, due eccellenze: Wasini e Chale Island . La prima è immersa nel Parco Marino omonimo dove è possible fare snorkeling e nuotare con i delfini. Dalla costa partono i dhow che a vele spiegate portano a Wasini dove è possibile mangiare pesce sulla spiaggia e rilassarsi su un'isola da sogno.

Chale Islan d, invece, è il paradiso per turisti che amano i resort di lusso. E' un'isola esclusiva dove i viaggiatori più raffinati possono soggiornare tra coccole indimenticabili da viaggio di nozze o fuga romantica.

Quanto costa un safari in Kenya

Il budget da prevedere per un safari in Kenya di una settimana, con auto e driver/guida condivisi con altri viaggiatori, si aggira intorno ai 1700 dollari a persona.

Questa cifra consente di visitare i parchi più prossimi a Nairobi quali il Masai Mara, l'Amboseli, il Naivasha e il Nakuru in trattamento di all inclusive e alloggio in campi tendati. La soluzione è certamente basica ma abbordabile, va però considerato che i prezzi possono aumentare in alta stagione.

Ovviamente anche al variare delle condizioni le tariffe possono salire anche di molto. Si pensi ad esempio alla scelta di alloggi più lussuosi, come i lodge, oppure ai trasporti privati o all'estensione del safari su due o più settimane, ecc.

Il Kenya è vastissimo e ha molto da offrire a un prezzo contenuto rispetto alla vicina Tanzania. Nonostante questo non si può affermare che un safari qui sia economico in assoluto. Vanno valutati molti aspetti e ogni viaggio va personalizzato a seconda delle esigenze e dei periodi.

Dove dormire in Kenya 

Le soluzioni di alloggio durante il safari sono molteplici e vanno dalle basiche alle più lussuose.

I campsites sono campi tendati che generalmente si trovano in prossimità dei parchi e delle riserve.  E' comunque disponible una selezione di campi anche interni ai parchi a un costo superioree ai primi. La caratteristica di questi campsites è quella di far dormire in tenda gli ospiti. Si tratta di tende ben organizzate e sicure, con letti all'interno e servizi igienici e doccia privata. Un buon compromesso qualità prezzo per chi vuole fare un safari con un occhio ai costi.

I lodge  sono strutture ricettive ubicate all'esterno dei parchi e adatte a turisti attenti ai servizi ed esigenti. L'offerta dei lodge è varia ma può arrivare a raggiungere quella di un hotel a cinque stelle. La caratteristica principale è quella di offrire camere di ottimo livello, magari con terrazza vista savana, fiume o Great Rift Valley ad esempio, inserite in un contesto naturalistico protetto.

Al mare l'offerta è molto varia. I villaggi turistici di vari livelli si alternano a resort e alloggi minimalisti in affitto ai backpackers. Se al mare l'obiettivo è godersi il relax annullando le preoccupazioni i villaggi e i resort sono la soluzione. Tanto più che ce ne sono per tutte le tasche.

Perchè non ho citato tenda e sacco a pelo? Perchè in Kenya non è possibile campeggiare liberamente all'interno o all'esterno dei parchi . La natura selvaggia e incontrollata, unita all'assenza di strutture idonee, renderebbe troppo pericoloso il campeggio all'europea.

campo tendato kenya

Come muoversi in Kenya

Pensando a un safari in tutta libertà ci si immagina facilemente alla guida di una Jeep color sabbia. Tetto alzato, macchine fotografiche con obiettivi pronti e savana infinita intorno completano il sogno.

Realizzare il safari della propria vita come lo si immagina è possibile. E' necessario ovviamente affittare una jeep privata presentando una patente internazionale . Il costo giornaliero di affitto del mezzo è di circa 250 US Dollars e in genere è compreso di benzina e spesso anche autista. Cambiando tipologia e scegliendo un van con tetto apribile si risparmia un po': il costo giornaliero si aggira sui 150 US Dollars.

Non dimenticate che la guida è a sinistra e che la presenza di segnali stradali è rara e confusa. Per questo motivo è sempre meglio avere anche un driver che magari sia anche guida naturalistica. Durante il safari sarà in grado di darvi moltissime informazioni sulla fauna e la flora e anche sul  Kenya stesso.

Se l'intenzione è condividere i mezzi con altri compagni di viaggio per contenere le spese, allora meglio affidarsi ad agenzie che organizzano safari . Spesso gli hotel in città propongono soluzioni standard ma certamente affidabili.

mezzo safari kenya

Periodo migliore per fare un safari in Kenya 

Mi sento di dire che per un safari in Kenya non c'è un periodo migliore. Che sia inverno o estate, cambiano le condizioni naturalistiche dei parchi ma lo spettacolo è comunque garantito.

Considererei invece le stagioni della natura che non corrispondono a quelle dell'uomo. Per il Masai Mara e l'Amboseli la stagione secca che va da luglio a ottobre è consigliata perchè si vedono animali della savana e big5 più facilmente. Essi infatti si recano alla ricerca dell'acqua nelle poche pozze disponibili e ben conosciute alle guide. La stagione più umida invece prevede rapidi acquazzoni e piogge notturne ad aprile e maggio e da ottobre a dicembre. Questo però non impedisce la riuscita di buoni safari.

La stagione delle grandi migrazioni che si articola in due fasi è molto affascinante. Il flusso che dalla Tanzania risale verso il Kenya va da luglio a settembre. Il ritorno delle specie di gnu in Tanzania avviene invece a partire dal mese di ottobre.

Il lago Nakuru è ricoperto totalmente di fenicotteri rosa costituisce una delle oasi naturali più spettacolari del mondo secondo National Geographic. Quando vederlo? Tra luglio e settembre e tra gennaio e marzo raggiunge il suo apice di splendore.

Sulla costa e allo Tsavo National Park sono da evitare i mesi delle piogge: maggio-giugno-inizio luglio e novembre.

Insomma ogni parco, ogni regione del Kenya, ogni attività ha il suo mese ideale. Non fatevi frenare da chi vi dice di non partire: il Kenya è tanto vasto da poter accogliere turisti tutto l'anno.

Scelta dell'operatore e safari responsabile 

Se si sceglie di fare un safari nulla va lasciato al caso. Intanto perchè è una delle esperienze più elettrizzanti che si possano fare e poi perchè può avere le sue complessità.

A livello organizzativo è sempre meglio affidarsi a agenzie esperte che solitamente propongono pacchetti all inclusive. Con questo intendo dire che se si viaggia da soli o in due è facile essere inseriti in gruppi preformati e fare il safari in compagnia. In questo modo inoltre si dividono i costi più impattanti, cioè driver, guida, auto.

Le agenzie di cui vi parlo sono quelle registrate, con almeno un ufficio e un operatore professionista. Se ne trovano a Nairobi, ma anche in città vicine ai parchi principali.

Diffidate invece da chi procaccia affari per strada: non potete avere la certezza del tipo di business dell'amico dell'amico. E cosa importante accertatevi sempre che l'agenzia eserciti sempre regolarmente la propria attività e che sia assicurata in caso di imprevisti . I prezzi che vi vengono proposti con contrattazioni al ribasso possono sembrare attraenti. Chiedetevi però se quel costo è sufficiente per pagare le spese dell'auto, l'ingresso ai parchi, il cibo e l'acqua e anche il personale. E' dalle spese del personale che solitamente tagliano i costi, anche perchè l'affitto auto e i parchi hanno prezzi fissi. Questo è totalmente scorretto e amorale.

Voi lavorereste mai gratis? Credo di no. E così non devono fare i ragazzi che vi garantiscono la riuscita di un safari perfetto. Non fatevi fuorviare dal costo, pensate sempre alle persone e al loro valore prima di prenotare. Essere in Africa per un safari non significa fare un'avventura superficiale senza aprire gli occhi. Signica fare il grande viaggio nella natura e nelle persone che in Kenya e negli altri stati vivono abitualmente.

Organizza un safari in Kenya con operatori locali

Se sei alla ricerca di un operatore locale per realizzare il tuo safari in Kenya contattaci su Kipepeo Experience. Da 10 anni collaboriamo con operatori locali disegnando viaggi su misura e personalizzati per scoprire alcune delle destinazioni più belle del mondo

Cosa indossare durante un safari 

A seconda dei periodi dell'anno e delle zone il caldo può essere più o meno soffocante e il freddo più o meno presente. Controllate sempre le temperature su un sito affidabile e ricordatevi che le stagioni non corrispondono alle nostre. In agosto in Kenya è inverno, afoso sulla costa e freschino a Nairobi e dintorni.

Pantaloncini e magliette leggere e comode, consiglio siano facilmente lavabili e dalla rapida asciugatura. Pantaloni lunghi per la sera e felpe dai colori chiari per scoraggiare le zanzare dal ronzarvi intorno. Cappellino o comunque un copricapo per proteggervi dal sole equatoriale.

Salute e vaccini per un viaggio in Kenya

All'ASL della vostra zona sapranno darvi le informazioni più precise e dettagliate sui vaccini o le profilassi consigliate. Per il Kenya solitamente si tratta di Febbre Gialla e Antimalarica. Ci sono poi vaccini accessori quali l'Antitifica, l'Antirabbia, l'Antitetanica che spesso sono consigliati. Ma non c'è altro da fare che consultare seriamente un medico con largo anticipo. Spesso le ASL sono intasate di viaggiatori soprattutto nei periodo di alta stagione quindi muovetevi per tempo. Non possono mancare ovviamente i repellenti e una ottima farmacia da viaggio con farmaci personali e anche antibiotici a largo spettro.

Non dimenticate, infine, di fare un' assicurazione di viaggio . In un viaggio in Africa questa non può mancare davvero mai!

Guide e libri sul Kenya e l'Africa 

Bradt Guide Kenya - Purtroppo al momento non ce ne è una aggiornata, consiglio quindi di controllare se arriva una nuova edizione perchè sull'Africa le Bradt sono le migliori. Unico inconveniente, per alcuni, è che sono scritte solo in inglese.

Lonely Planet Kenya - Alternativa alla Bradt guide ma in italiano, ultimo aggiornamento al 2015. Sicuramente a breve arriverà il nuovo.

Ebano - Lasciamo che lo riassuma lui, Kapuscinki, il reporter che credo abbia narrato l'Africa come nessuno ad oggi è ancora riuscito a fare. "Questo libro non parla dell'Africa, ma di alcune persone che vi abitano e che vi ho incontrato, del tempo che abbiamo trascorso insieme. L'Africa è un continente troppo grande per poterlo descrivere. E' un oceano, un pianeta a sé stante, un cosmo vario e ricchissimo. E' solo per semplificare e per pura comodità che lo chiamano Africa. A parte la sua denominazione geografica, in realtà l'Africa non esiste. "

Sognavo l'Africa - Da bambina la veneziana Kuki Gallman sognava l'Africa. A 25 anni, dopo il divorzio e un terribile incidente, decide di stabilirsi in Kenya con il secondo marito. E' un periodo di continue scoperte e meraviglie, purtroppo però la sua vità sarà segnata da due dolorose perdite, Paolo prima ed il figlio Emanuele dopo. Kuki rimane sola con la figlia Sveva e 90000 acri di terra a cui badare. In ricordo del marito e del figlio, fonda la Gallman Memorial Foundation, una organizzazione che studia nuovi metodi per la conservazione della meravigliosa natura africana.

La mia Africa - Karen Blixen ha vissuto fino al 1931 in una fattoria dentro una piantagione di caffè sugli altipiani del Ngong, Karen Blixen ha descritto con una limpidezza senza pari il suo rapporto d'amore con l'Africa. Sovranamente digiuna di politica, ci ha dato il ritratto forse più bello del continente nero, della sua natura, dei suoi colori, dei suoi abitanti. I Kikuyu che nulla più può stupire, i fieri e appassionati Somali del deserto, i Masai che guardano, dalla loro riserva di prigionieri in cui sono condannati a estinguersi, l'avanzata di una civiltà "che nel profondo del loro cuore odiano più di qualsiasi cosa al mondo". Uomini, alberi, animali si compongono nelle pagine della Blixen in arabeschi non evasivi, in una fitta trama di descrizioni e sensazioni che, oltre il loro valore documentario, rimandano alla saggezza favolosa di questa grande scrittrice, influenzando in modo determinante i contenuti della sua arte.

Disclaimer: In questo post, alcuni dei link forniti sono link di affiliazione, il che significa che posso guadagnare una commissione se si effettua un acquisto attraverso questi collegamenti. Tuttavia, ciò non comporta nessun costo aggiuntivo per te. Le commissioni che ricevo attraverso questi link di affiliazione aiutano a finanziare e supportare il mio blog , mantenendo così la sua indipendenza e la mancanza di sponsorizzazioni. Mi sforzo sempre di fornirti le migliori informazioni e consigli possibili, basati sulla mia esperienza e ricerca personale. Mi preme sottolineare che il tuo sostegno è fondamentale per mantenere vivo questo blog e continuare a fornirti contenuti di qualità. Grazie per il tuo supporto!

quanti giorni per safari in kenya

Scritto da Federica Beretta

Home is wherever you feel it. Amo muovermi a ritmo lento, uso i mezzi pubblici consapevole che solo così mi possa sentire parte del mondo che mi circonda e che possa osservare tutto in maniera immersiva ed empatica. Ho un debole per l’Africa e una passione in particolare per il Senegal. Consulente e specialista Senegal e Kenya

10 comments on “Come organizzare un safari in Kenya - Tutto quello che devi sapere”

salve a tutti, sto programmando un viaggio in Kenya a Gennaio 2024 di circa 15 gg.

Volevamo dividere la vacanza tra safari e mare ( relax assoluto ) Abbiamo una bimba di 8 anni.

Quanti giorni dedicare al safari? e soprattutto quale parco piu bello/idoneo da visitare in quel periodo ? Se avete altre info utili, scrivete. Grazie a tutti per quanto farete.

Ciao Cristiano, Se avete 15 giorni e volete dividere la vacanza tra safari e mare secondo me un circuito che parte da Nairobi e termina a Diani Beach (personalmente la preferisco a Watamu o Malindi) funziona benissimo. Quindi parchi come Lake Nakuru, Maasai Mara, Amboseli, Tsavo così finite sulla costa.

Se hai bisogno di una mano per il safari scrivi a Federica a questa email: [email protected] Collaboriamo con un piccolo tour operator di Nairobi e possiamo aiutarti a pianificare al meglio la vacanza.

Ciao Giulia

ciao GiuliA vado Nairobi x lavoro e volevo fare un safari prim di ripartire . Sono sola .

Ciao Patrizia, scrivi una email a Federica ( [email protected] ) che potrà aiutarti a trovare la migliore soluzione (anche di gruppo). Buona Nairobi (che è anche molto interessante, se hai del tempo per visitarla magari questo post potrebbe tornarti utile: https://www.viaggiare-low-cost.it/nairobi-kenya/ ) Giulia

ciao con bambini 6-8 anni cosa ne pensate ? un safri troppo duro o noioso ...

Salve Marco, dipende come pianificate l'intero viaggio. I safari li fanno tanti bambini e si divertono perchè vedono tanti animali nel loro habitat. In genere nella pianificazione del safari, come di qualsiasi viaggio, si considerano tanti fattori, in particolare come i bambini sono abituati ed i loro interessi. E' un viaggio nella natura, si passa molto tempo in auto cercando animali da avvistare ma se sia duro o noioso dipende molto dalle abitudini vostre e dei vostri bambini. Certamente non è una esperienza relax, le strade in Africa sono dissestate ed i tempi di percorrenza lunghi, ma è decisamente un tuffo nella natura selvaggia che generalmente piace a bambini ed adulti!

Finalmente un sito dove attingere informazioni complete in previsione di un viaggio in Kenia. Grazie per la chiarezza e i consigli per la riuscita di un viaggio così importante.

Maria Grazia ne siamo felici! Buon viaggio allora 🙂

Davvero interessante e pieno di informazioni utili questo post!

Lascia un commento Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salva il mio nome, email e sito web in questo browser per la prossima volta che commento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati .

Organizza un safari in Kenya

Se vuoi organizzare un  safari su misura in Kenya  organizzato da operatori locali contattami.  Anni di esperienza,  prezzi competitivi, sicurezza in viaggio e  turismo responsabile  è quanto promettiamo! 

Alcune immagini pubblicate sono state tratte da Internet, nel caso in cui, il loro utilizzo, violasse diritti d’autore, mandateci una mail a  [email protected]  e verranno immediatamente rimosse.

Rimaniamo in contatto

ViaggiOvunque

Itinerario perfetto 7 giorni in Kenya: dal Safari a Watamu

Nel 2023 abbiamo realizzato un nostro grande sogno, fare un safari in Africa alla scoperta delle meravigliose creature che popolano questa terra. Siamo state in Kenya a Febbraio per una settimana, abbiamo scelto questo paese perché ci sembrava il più comodo da raggiungere ed economico in questo particolare periodo dell’anno. Non è un periodo di bassa stagione ma neanche alta, diciamo che le spese sono più basse rispetto al periodo metà luglio agosto quando i prezzi raggiungono i valori massimi. In questo articolo vi mostreremo il nostro itinerario di sette giorni in Kenya .

Noi siamo partite di Domenica tornando il lunedì successivo sfruttando quindi sette giorni pieni che ci hanno consentito di fare 4 giorni di safari e 3 di relax a Watamu . Partendo direttamente da Nairobi e spostandoci verso sud attraversando i parchi per il safari, abbiamo evitato di prendere un volo interno che da Naiorbi avrebbe dovuto portarci a Malindi . Terminati quindi i primi giorni di safari eravamo già sulla costa che ci siamo godute per i successivi tre giorni. Una tecnica molto comoda che può farvi risparmiare tempo e soldi. Ma vediamo subito il nostro itinerario di sette giorni in Kenya e tutte le attività svolte!

Itinerario in Kenya di una settimana: come e dove fare safari

Velocemente farò un riepilogo del nostro itinerario in kenya andando poi a descriverli nel dettaglio nei successivi paragrafi:

  • Giorno 1 Volo aereo Roma / Istanbul   e  Istanbul/Naiorbi
  • Giorno 2 Spostamento verso Amboseli National Park – Primo game drive tramonto
  • Giorno 3 Full day game drive Amboseli National Park
  • Giorno 4 Spostamento a Tsavo east National park –  Game drive al tramonto
  • Giorno 5 Game drive Alba – Spostamento a Watamu – Visita all’orfanotrofio
  • Giorno 6 Safari blu mida creek – Gita a Malindi
  • Giorno 7 Escursione Sardegna 2 – Volo di rientro Malindi/Naiorbi
  • Giorno 8 Volo di rientro Nairobi/Istanbul e Istanbul/Roma

Organizzare un safari in Kenya: tutto quello che devi sapere

La prima parte del nostro itinerario in Kenya come avrete capito è stata dedicata ai safari visto che per noi la priorità del viaggio era proprio questa. Descriverò velocemente le attività fatte durante la giornata ed i vari spostamenti cosicché possiate farvi un’idea sulle tempistiche. A fianco di ogni giorno troverete il nome del lodge in cui abbiamo soggiornato con relativo link per prenotare la struttura. Ecco nel dettaglio i 4 giorni che abbiamo passato nei Parchi nazionali del Kenya alla ricerca di Leoni, Ghepardi, Elefanti e tanto altro ancora:

1° Giorno Siamo partite da Roma con la Turkish Airlines , compagnia che consiglio perché ci siamo trovate molto bene, puntuali, aereo comodo, cibo ottimo. Abbiamo fatto scalo ad Istanbul e poi via verso Naiorbi con il secondo volo arrivato intorno alle 6:00am ora locale.

2° Giorno (AA Lodge Amboseli – pensione completa) Arrivate alle 6:00am in aereoporto troviamo ad attenderci la nostra guida del Safari che subito ci ha portato verso il primo Parco. Noi abbiamo organizzato tutto dall’Italia con mesi di anticipo con Explorer Kenya, un’agenzia sicura ed affidabile con ottimi mezzi e guide. La nostra guida si chiamava Peter, chiedete di lui perché è davvero una persona splendida e competente. Unica pecca parla solo Inglese (a differenza delle guide a Watamu che parlano fluentemente Italiano) ma capirsi è comunque facile. La sua vista scrupolosa scoverà qualsiasi animale o uccello nel fitto bush e sarà sempre disponibile per spiegarvi le caratteristiche di ogni avvistamento!

Ma proseguiamo con il nostro itinerario, partiamo subito in direzione del nostro primo Parco, Amboseli National Park , protetto dal maestoso Kilimanjaro che lo sovrasta, fonte inesauribile di acqua che rende infatti questo Parco molto verde, come mai potreste immaginarvi. Raggiungiamo il nostro lodge AA Amboseli verso l’ora di pranzo, giusto in tempo per pranzare e riposarsi prima del safari pomeridiano. Questo lodge è fuori dal Parco (al suo interno se ne trova solo due e i prezzi sono molto più alti) ma è davvero molto vicino al cancello quindi la comodità è assicurata. Inoltre il cibo e la struttura, pulizia, ambienti e comodità non mancano, ci sentiamo di consigliarvelo. Noi avevamo la pensione completa che consiglio.

Ore 16:00 partiamo per il nostro primo e magico safari, ci tratteniamo nel Parco fino alle 18:30 poi siamo costretti ad uscire, vediamo una grande quantità di animali, Bufali, Elefanti, Giraffe, Gazzelle e altro ancora. Ci facciamo subito un’idea della vastità del luogo e della sua particolarità di essere molto verde e umido. Torniamo al lodge dove ceniamo e poi via a letto.

3° giorno (AA Lodge Amboseli – pensione completa) Ci aspetta un’intera giornata di safari, full day game drive, partenza la mattina dopo colazione e rientro intorno alle 16:00. Potevamo anche optare per il Safari all’alba, partenza circa h5:00am e rientro per colazione dopodiché relax al lodge e secondo safari della giornata al tramonto dalle 16:00 alle 18:30. Abbiamo preferito optare per il full day game drive per sfruttare al massimo la giornata e visitare anche alcuni luoghi caratteristici del parco. In ogni caso la giornata vola fra una sosta nel bellissimo lodge all’interno del Parco per un caffè, tanti avvistamenti di animali, la pausa pranzo con il lunch box fornito dal lodge ed anche una breve passeggiata sul promontorio del Parco. Rientro al lodge intorno alle 16:30, relax in piscina e cena.

4° giorno (Voi safari lodge –  Pensione completa) E’ il momento di raggiungere il nostro secondo Parco ‘ Tsavo National park ’  la riserva più grande del kenya suddivisa in Ovest e Est. Si trova nel sud del paese ed è infatti molto comodo da visitare se ci si vuole avvicinare alla costa. Noi abbiamo visitato la zone east che è comunque troppo grande per poterla visitare in un solo giorno. La distanza fra Amboseli e Tsavo è notevole ed infatti partiamo piuttosto presto dopo colazione per raggiungere il nostro lodge intorno all’ora di pranzo.

La struttura si chiama Voi safari Lodge e trova all’interno del Parco, il panorama dalla camera infatti è incredibile, la vista spazia sulla savana, avvistiamo elefanti gazzelle e grandi volatili nei pressi della struttura. Il lodge offre anche una piccola aerea avvistamento che si affaccia su un laghetto artificiale dove vari animali, soprattutto elefanti, vengono a rinfrescarsi. Anche oggi pranzo veloce, breve riposo e poi via per il safari al tramonto.

Lo scenario è completamente diverso da quello dell’Amboseli, qui la terra rossa la fa da padrona e di acqua se ne vede poca, la strada è circondata da piccoli arbusti secchi e fitti. Non sappiamo come Peter riesce ad avvistare comunque animali e uccelli con una facilità incredibile (mentre guida la jeep nella strada dissestata). Durante questo safari abbiamo l’incredibile fortuna di avvistare un Ghepardo che si riposa all’ombra, poi poco prima di rientrare vediamo 3 leonesse che iniziano a svegliarsi pronte per la caccia notturna. Un’altra lunga e affascinante giornata volge al termine, cena sulla bellissima e panoramica terrazza del lodge e poi a letto. Domani ultimo safari e poi ci sposteremo a Watamu piccola cittadina sulla costa Kenyota

Escursioni da fare a Watamu: come organizzarle

Finita la nostra avventura nei Parchi nazionali del Kenya non ci resta che del meritato relax in spiaggia per rendere questo itinerario in kenya perfetto. In realtà il nostro animo avventuriero ci ha portato all’esplorazione della costa e non solo. Anche i giorni spesi a Watamu sono stati decisamente movimentati e divertenti. A fianco di ogni giorno troverete il nome del lodge in cui abbiamo soggiornato con relativo link per prenotare la struttura. Ecco nel dettaglio tutte le attività che abbiamo fatto:

5° giorno (Lily Palm Resort – Pensione completa) Ultimo giorno di safari e poi raggiungeremo la costa a Watamu. Partiamo il prima possibile usufruendo della colazione alle 6 am, intorno alle 7am siamo già in auto. Facciamo un game drive spostandoci nei dintorni del lodge, avvistare animali con la tenera luce dell’alba è molto emozionante. Poi attraversando tutto il parco ci dirigiamo ancora verso sud uscendo dal cancello più vicino al mare. Nei pressi del cancello è presente un fiume dove spesso si avvistano coccodrilli. Ancora un’ora e mezzo di strada ci separa dal nostro resort a Watamu , attraversiamo villaggi e vediamo tantissimi bambini che escono da scuola. Arriviamo intorno all’ora di pranzo al mare e subito ci fanno accomodare nella nostra stanza ma non prima di aver salutato Peter… Non saremo mai abbastanza grate della sua gentilezza, allegria e professionalità!

A Watamu alloggiamo al Lily palm resort, una bellissima struttura in centro al paese che si affaccia su watamu beach una piccola baia dall’acqua cristallina. Dopo pranzo ci rilassiamo un po’ e intorno alle 17:00 passa a prenderci Elias la guida di Safarizando che ci seguirà nei successivi tre giorni mostrandoci tutte le meraviglie della zona. Quel pomeriggio andiamo a trovare i bambini e ragazzi dell’orfanotrofio Pamoja Watoto portando loro vestiti, materiale scolastico e alimenti. Parlate con  Luisa di Safarizando se volete fare visita anche voi all’orfanotrofio

itinerario kenya

6° giorno (Lily Palm Resort – Pensione completa) Ci aspetta una giornata piena di avventure. Subito dopo colazione Elias ci aspetta sulla spiaggia per raggiungere il punto di partenza dell’escursione che si trova poco vicino. Intraprenderemo il nostro primo safari blu mida creek. Trovate tutti i dettagli dell’escursione e come organizzarla nell’articolo dedicato ‘Safari blu Mida creek: escursione a Watamu, Kenya’

Finita l’escursione nel pomeriggio, Elias insieme ad un suo amico ci porta in moto alla vicina Malindi la cittadina più grande della zona attrezzata anche con un piccolo aeroporto (dal quale poi partiremo per tornare a Naiorbi). A Malindi esploriamo un po’ le zone locali, partiamo dalla famosa fabbrica del legno, il nome è fuorviante rispetto a quella che è realmente la struttura. Si tratta infatti di un grande capanno dove uomini di varie età seduti a terra  e circondati da enormi quantità di legno e statuine portano avanti il loro lavoro. Il lavoro finito è spettacolare e non possiamo non portare a casa almeno qualche souvenir.

Ci dirigiamo poi al mercato di frutta verdura e alimenti dove si servono i locali, l’ambiente è particolare e vale la pena visitarlo per farsi un’idea dei prezzi locali vedere la merce che vendono e respirare un po di vero kenya . Ultima tappa un supermercato che per curiosità chiediamo di visitare noi, si trova nella zona più ‘Italiana’ di Malindi chiamata anche Milano 2 vista la grande quantità di Italiani residenti. Nel supermercato si trovano prodotti provenienti da molti paesi, tra cui pasta Barilla o De cecco. I prezzi sono ovviamente di importazione ma neanche troppo alti. I prezzi dei prodotti locali sono invece decisamene bassi (un kg di mango circa 1,50euro). Torniamo al nostro resort giusto in tempo per la cena.

itinerario kenya

7° giorno (Lily Palm Resort – Pensione completa) Sfortunatamente arriva il nostro ultimo giorno ma ciò non significa che non ci dedicheremo ad altre attività. Ovviamente sempre Elias ci viene a prendere al nostro resort e questa volta ci porta a scoprire Sardegna 2 . Trovate i dettagli su questa escursione e su come organizzarla nell’articolo dedicato ‘Le spiagge più belle del kenya: Sardegna 2 i caraibi di watamu’

Verso l’ora di pranzo torniamo in struttura per qualche altro momento di relax e per recuperare i bagagli. Abbiamo il volo da Malindi alle 18:00 che ci porterà in meno di un ora a Nairobi. Da Watamu a Malindi c’è circa mezz’ora di auto. Se riuscite con pochi euro potreste prendere i bus locali, in alternativa i taxi privati vi chiederanno la bellezza di 30 euro, cercate di contrattare o pagate in moneta locale.

itinerario kenya

8° giorno Da Naiorbi il volo di rientro per l’Italia partirà a notte fonde quindi ci aspetta una serata lunga. Dopo altri due voli e una nottata movimentata arriviamo a Roma alle 13:00. Così si conclude il nostro itinerario in Kenya .

Assicurazione sanitaria di viaggio

Adesso che hai organizzato il tuo itinerario in kenya, devi stipulare  l’assicurazione sanitaria di viaggio  per prevenire costi medici in caso di qualunque infortunio. Pensa che solo per una frattura puoi pagare migliaia di euro: partire senza assicurazione sanitaria è un rischio! Se anche per te è meglio prevenire che curare, meglio scegliere una polizza personalizzata e viaggiare senza stress. Noi ti consigliamo  Heymondo  l’assicurazione di viaggio nata su misura per un viaggiatore, che si tratti di un viaggio temporaneo o lungo un anno con Heymondo troverai la soluzione migliore per le tue esigenze. Premi sul banner sottostante per assicurarti subito il 10% di sconto sulla tua  assicurazione  di viaggio!

quanti giorni per safari in kenya

Articoli correlati

budapest

Cosa vedere a Budapest: la nostra guida in 5 giorni

Vacanza Costa Smeralda

7 GIORNI IN COSTA SMERALDA: mare, sole, natura e divertimento

quanti giorni per safari in kenya

VACANZA IN BARCA: IL MARE COME CASA

Torre di Pisa colorata

LA TORRE DI PISA: un pisano racconta

Lascia un commento annulla risposta.

Devi essere connesso per inviare un commento.

ViaggiOvunque

  • Panoramica privacy
  • Cookie strettamente necessari

This website uses cookies so that we can provide you with the best user experience possible. Cookie information is stored in your browser and performs functions such as recognising you when you return to our website and helping our team to understand which sections of the website you find most interesting and useful.

I cookie strettamente necessari dovrebbero essere sempre attivati per poter salvare le tue preferenze per le impostazioni dei cookie.

Se disabiliti questo cookie, non saremo in grado di salvare le tue preferenze. Ciò significa che ogni volta che visiti questo sito web dovrai abilitare o disabilitare nuovamente i cookie.

Migliori safari di 4 giorni in Kenya

migliori safari 4 giorni kenya

Preparatevi a vivere un’esperienza indimenticabile nel continente africano: ecco la nostra lista dei migliori safari di 4 giorni in Kenya.

Un desiderio di tantissimi viaggiatori che non passa mai di moda è quello di fare un safari in Africa . Ed è risaputo che il Kenya è uno dei Paesi più emozionanti per svolgere questa attività. Questa destinazione vanta infatti diverse riserve e vari parchi nazionali, ognuno con caratteristiche e peculiarità uniche. Che si tratti di una luna di miele o di un viaggio con i bambini , il Kenya è la meta perfetta per un primo approccio nel Continente Nero. In questo articolo vi sveliamo quali sono i migliori safari di 4 giorni in Kenya per vivere un’avventura indimenticabile.

VAI ALLA SEZIONE:

I migliori safari di 4 giorni in Kenya

migliori safari 4 giorni kenya

Migliori safari di 4 giorni in Kenya: Parco Masai Mara + Lago Nakuru

Il Masai Mara è il parco nazionale più famoso del Kenya . È nelle sue terre che, tra giugno e ottobre, avviene la Grande Migrazione degli gnu e delle zebre. In questo periodo decine di migliaia di animali attraversano il fiume dando vita a uno spettacolo naturale assolutamente unico. Nel Masai Mara è possibile anche avvistare i famosi “big five” – leoni, elefanti, bufali, leopardi e rinoceronti. Safari Kenya 360 combina l’esperienza in questa meravigliosa riserva con una visita al Lago Nakuru, un vero paradiso per gli amanti del birdwatching dove si possono trovare  fenicotteri rosa, pellicani e cormorani. Per un costo di 1130 € persona potrete vivere uno dei migliori safari di 4 giorni in Kenya . Alloggerete al Sentrim Mara camp o al Simba Oryx Nature Camp che si trovano all’interno del Parco Masai Mara e al Sentrim Elementaita Lodge.

LEGGI ANCHE: Masai, il popolo di guerrieri che vive in Africa var quads_screen_width = document.body.clientWidth; if ( quads_screen_width >= 1140 ) {document.write(' '); (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); }if ( quads_screen_width >= 1024 && quads_screen_width '); (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); }if ( quads_screen_width >= 768 && quads_screen_width '); (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); }if ( quads_screen_width '); (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); }

quanti giorni per safari in kenya

Safari nel Parco Amboseli + Tsavo Ovest + Tsavo Est

Sebbene non sia uno dei più grandi, il Parco Amboseli ospita la più grande popolazione di elefanti del Paese. Ma ciò che lo distingue e lo rende unico è l’impressionante vista del Monte Kilimanjaro all’orizzonte, la montagna più alta di tutta l’ Africa . Per questa esperienza Safari Kenya 360 propone un safari che include il Parco Amboseli, il Tsavo Ovest e il Tsavo Est. Questi ultimi  sono due parchi nazionali adiacenti in cui è possibile avvistare una grande varietà di fauna selvatica, tra cui leoni, leopardi, rinoceronti, bufali e giraffe. Tsavo è famoso anche per i suoi paesaggi vulcanici, con le sue colline rocciose e i fiumi che attraversano la savana. Con 1090€ a persona potrete vivere uno dei migliori safari di 4 giorni in Kenya , con la possibilità di soggiornare nei seguenti lodge:

  • Amboseli – Sentrim Amboseli Camp/ AA Amboseli Camp
  • Tsavo Ovest – Ngulia safari lodge
  • Tsavo Est – Voi safari lodge/ Voi wildlife lodge

migliori safari 4 giorni kenya

Migliori safari di 4 giorni in Kenya: Parco Nazionale di Samburu

Il Parco Nazionale di Samburu è una delle gemme nascoste del Kenya , situato nella provincia settentrionale del Paese. È un rifugio unico per la conservazione della fauna selvatica. Le sue dimensioni ridotte lo rendono uno dei migliori luoghi per favorire l’avvistamento degli animali. È famoso per l’abbondanza di specie rare come la giraffa reticolata, la zebra di Grevy e lo struzzo somalo. Qui potrete partecipare a safari in jeep guidati da esperti ranger ed escursioni in barca lungo il fiume Ewaso Nyiro. Avrete inoltre la possibilità visitare i villaggi locali Samburu e incontrare la popolazione tribale che vive in armonia con la natura e la fauna selvatica

Safari nel Parco Nazionale di Aberdare

Situato nel centro del Paese, il Parco Nazionale di Aberdare è uno dei luoghi ideali in cui partecipare a uno dei migliori safari di 4 giorni in Kenya . Istituito nel 1950, copre una superficie di circa 767 chilometri quadrati. Vanta una straordinaria varietà di paesaggi, che includono praterie, foreste pluviali, corsi d’acqua e cascate. Oltre ai numerosi animali il parco è anche noto per il suo ecosistema unico, che comprende foreste di bambù, alberi giganti di lobelia e una vasta varietà di piante in fiore.

Altre proposte

Se siete alla ricerca di esperienze più brevi ed economiche, Safari Kenya 360 ha altre due proposte per voi. La prima opzione è un safari di due giorni e una notte al Parco Tsavo Est in Jeep 4×4 a 225€ a persona. Potrete scegliere dove pernottare tra:

  •  Voi Safari Lodge
  • Sentrim Tarhi Camp
  • Voi Wildlife Lodge

L’altra proposta è invece un safari di 3 giorni e due notti aggiungendo una sosta anche al Parco Amboseli. Il costo è di 460€ a persona e potrete alloggiare nelle seguenti strutture:

  • Tsavo Est  –  Voi safari lodge/ Voi wildlife lodge

quanti giorni per safari in kenya

Francesca Ligas

10 cose da vedere assolutamente in sudafrica, santorini: i migliori resort dove dormire, you may also like, organizzare un viaggio fai da te in namibia:..., cosa fare in sudafrica: le esperienze che non..., cosa vedere e quando andare alle mauritius, visitare le piramidi di giza: info, costi e..., sudafrica in 10 giorni: itinerario e tappe, come organizzare un viaggio fai da te alle..., viaggi lgbtq+: migliori destinazioni e hotel, hotel ed esperienze di lusso per famiglie con..., cosa fare e vedere a sharm el sheikh, lascia un commento annulla risposta.

Save my name, email, and website in this browser for the next time I comment.

  • Medio Oriente
  • Travel tips
  • Collaborazioni

Logo

Cosa mettere in valigia per un viaggio in Kenya

La risposta è: poco e indispensabile. È davvero così, si tratta di luoghi che non necessitano di chissà quali vestiti o accessori. Ne approfitto per dirvi una cosa importante:  fate spazio per portare voi qualcosa a loro . Togliete 5 kg di cose inutili e portate loro 5 Kg di maglie che non usate più, di sapone, di matite. Potete fermarvi nei villaggi sulla strada verso il Safari, oppure visitare uno dei tanti orfanotrofi, dove tanti bambini aspettano il vostro aiuto. Se potete, consegnate tutto alle maestre e non direttamente ai bimbi.

Portate il minimo indispensabile, ma non dimenticatevi di: – Medicine, cerotti, antidiarroico, pomata per ematomi – Spray repellente per zanzare e zampirone – Creme solari – Scarpette da mare – Adattatore corrente internazionale – Cappello – Bandana – Qualcosa di più pesante per la sera – Binocolo – Torcia – Scarpe da trekking (se farete il safari)

I resort in Kenya hanno spesso poche stanze, un’animazione soft e.. corrente fino alle 23 . Non ci sono molti posti al di fuori dei villaggi per trascorrere le serate. Quindi consiglio di portare davvero il minimo indispensabile , e soprattutto cose utili come medicine, una torcia, scarpette per il mare per affrontare la bassa marea, e creme solari.

Solidarietà

Un viaggio in Africa non vuol dire secondo me mettersi su un lettino e ammirare la spiaggia. Certo, nessuno impone di vedere la realtà dei paesi e dei villaggi, ma ritengo che sia indispensabile. Visitare un orfanotrofio, un ospedale, un villaggio ti apre la mente e il cuore. La mia valigia era a metà: metà cose utili per il viaggio, metà magliette e matite da distribuire nei villaggi e nelle scuole . E’ sempre meglio dare il tutto alle maestre, e non ai bambini, per non abituarli a chiedere e ricevere. L’uso che ne faranno poi dipenderà da loro. Non portate quaderni perché ogni scuola ha una propria divisa e un proprio tipo di copertina, quindi potete acquistarli là con pochi centesimi. Sul posto potrete comprare sapone, farina, pannolini, biscotti. Con pochi euro farete felice una intera comunità di persone. Eventualmente, per non muovervi da soli, chiedete ai Beach Boys di accompagnarvi in un orfanotrofio vicino, in modo da avere una “guida” che parla la lingua e può consigliarvi cosa è meglio portare.

Contrattare

Anche in Kenya è una norma contrattare negli acquisti. Il loro stipendio medio è di circa 70€ al mese, quindi sanno bene che per noi 5€ o 10€ valgono poco rispetto a quanto valgono per loro. Per questo però a volte partono da un prezzo molto alto, e non si offendono di certo se volete contrattare. Attenzione perché con i Masai (quelli veri) non si può contrattare, è proprio parte della loro cultura . Se andrete nei loro villaggi spenderete molto rispetto ad altri posti. I Masai che vi aspettano invece all’entrata di Amboseli sono più aperti e potrete portare a casa i loro souvenir spendendo molto meno che all’interno.

Portare banconote di piccolo taglio

In merito al punto precedente, io consiglio sempre di portare dollari di piccolo taglio in carta o pezzi da 5€. Non sono mai ben accette le monete, che loro fanno fatica a cambiare. Con i dollari risolverete il problema , dato che partono da pezzi da 1! Se pagherete con pezzi da 50€, vi ritroverete il resto in scellini. Se siete a fine vacanza, sono difficili da smaltire.

Chiedere il permesso di fotografare

La prima cosa che viene in mente pensando alle fotografie in Africa, oltre agli animali del Safari, sono i bambini. Questi bambini sono meravigliosi, così affettuosi e pieni di vita. Ma vivono in una povertà indescrivibile, e capita di volerli fotografare proprio per far capire a chi ci aspetta a casa lo stato in cui vivono. Non sono fenomeni da baraccone però, siate sempre rispettosi e chiedete sempre il permesso di fotografare, sia loro, sia la famiglia.

pesca di polpo

Sulla spiaggia, quando arriverete bianchi come il latte, vi aspettano i Beach Boys. Sono ragazzi del posto che vi offriranno escursioni e gite a prezzi molto più bassi delle agenzie del posto. Sono davvero molto insistenti a volte, quando scende la marea solitamente ogni coppia di persone verrà “scortata” da uno di loro nella passeggiata. È il loro lavoro, quindi siate sempre gentili. Se deciderete di accettare l’offerta di uno di loro, state certi che vi scorterà per tutta la vacanza e non vi farà infastidire da altri beach boys . Molti hanno ormai un proprio sito Internet, quindi potete informarvi sulla loro reputazione e sui loro prezzi anche prima di partire. Io mi sono sempre trovata benissimo con loro, soprattutto per gite brevi di mezza giornata o di una giornata.

I Beach Boys che ho incontrato e che raccomando sono: Morris: per Safari e gite Franco Nero: per gite e visita agli orfanotrofi Massimiliano: chiedete a lui di mangiare sulla spiaggia! Ligabue: per gite Zucchero: per gite

Rispettare le regole

Soprattutto durante i Safari, ci sono regole ben precise da rispettare. Tra le più importanti, il divieto di scendere dai mezzi e di abbandonare le piste segnate . Questo proteggerà voi e chi viaggia con voi, e anche l’ecosistema.

Una promessa è una promessa

Questi popoli sono incredibilmente affascinanti e sanno cosa vuol dire la parola fiducia . Una parola data per loro è una parola data. Se non avete soldi con voi, vi daranno la merce scelta in cambio della vostra parola che tornerete con i soldi. Non deludeteli, e portate sempre rispetto. Seppur nella povertà, questi gesti insegnano molto a noi cosiddetti “civilizzati”.

Quando andare in Kenya

Quando pianifichi un viaggio in Kenya, il momento migliore per partire dipende dalle tue preferenze e dalle attività che desideri fare. La stagione secca, da luglio a ottobre, è ideale per i safari , con la Grande Migrazione che offre uno spettacolo unico nel Masai Mara. Se ami il mare, i mesi da dicembre a marzo sono perfetti per goderti le spiagge della costa. Soprattutto tra Marzo e Maggio, e da ottobre a dicembre, si scatenano le piogge che solitamente non impediscono ai turisti di compiere escursioni. Scegli il periodo che meglio si adatta alle tue esigenze e preparati a vivere un’esperienza indimenticabile in Kenya!

Continua a leggere il mio tour tra Safari e mare in Kenya  e buon viaggio!

ARTICOLI CORRELATI ALTRI ARTICOLI

Escursione a ile aux aigrettes, mauritius: l’isola delle tartarughe giganti, ile aux cerfs: escursione di un giorno a mauritius, una settimana a mauritius: un paradiso di biodiversità, tra spiagge e foreste.

vorrei chiederti come posso contattare Ligabue, ne ho letto molti commenti positivi ma non lo trovo da nessuna parte…

Ciao Laura! Al tempo non avevano il cellulare, quando arrivi solitamente si va di passaparola.. ho provato a cercarlo ma non lo trovo nemmeno sui Social. Ti consiglio di chiedere appena arrivi, si conoscono tutti quindi sono sicura che lo troverai 🙂

Ciao molto utile questo articolo. Partiremo anche io e mio marito presto per un viaggio di gruppo. Dormiremo in campi tendati budget e faremo solo safari. Le mie preoccupazioni sono due: 1) le strade soprattutto per raggiungere il Masai mara da Nairobi. 2) il Malarone. Lo abbiamo comprato su consiglio della medicina del viaggiatore. Speriamo di non aver effetti collaterali così forti. Tu che fastidi hai avuto? E hai portato a termine la profilassi? Grazie se potrai rispondere è il primo viaggio in Africa e ci teniamo molto.

Ciao Rita, grazie per il tuo commento 🙂 Ti confermo che le strade non sono il massimo, più che altro la sabbia rossa entra nel van e (se siete in coda ad altri pulmini) non vestitevi di bianco.. sarete ricoperti! Ma, fa parte del tour e ci sta visto che è proprio nel cuore del Paese. Per il Malarone, io purtroppo sono stata malissimo e ho avuto ogni effetto del bugiardino: nausea, vomito, sudori freddi, febbre e .. puoi immaginare! Purtroppo da gestire durante il giorno è stato uno strazio, considera che non si può scendere dai pulmini nella savana. Io l’ho iniziato a casa e l’ho interrotto subito quando sono stata male. Il mio consiglio è di cospargere di BioKill i vestiti e il perimetro della stanza, e di evitare l’antimalarica che tanto copre solo 2 ceppi. Però nulla ti vieta di provare, e vedere come stai (io ho avuto dolori allo stomaco da subito). Spero di aver risposto alle tue domande: buon viaggio!!!

LASCIA UN COMMENTO

Salva il mio nome, email e sito web in questo browser per la prossima volta che commento.

Logo

Seguimi sui Social per non perdere tutti i racconti di viaggio!

[email protected]

Copyright © 2010 - 2024 Trolleygirl.it by Stefania Quattrini. All rights reserved . I contenuti presenti sul blog "Trolleygirl.it" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.

cammello lungomare

Tour Kenya tra safari e mare Tour operator : World Explorer

Un mix perfetto tra safari per scoprire la fauna e la flora e relax nelle spiagge paradisiache del kenya.

Calendario partenze

Parla con noi

Cosa visiterai

spiaggia azzurra

Maggiori informazioni in merito a orario e punto di ritrovo del primo/ultimo giorno verranno comunicate a seguito della prenotazione.

strada trafficata di mombasa

Cosa include

  • Voli internazionali in classe economica Ethiopian Airlines
  • Trasferimenti come da programma con autisti parlanti inglese
  • Trasferimenti da/per aeroporto
  • Pernottamenti in camera doppia negli hotel e lodge menzionati nel programma o simili
  • Ingresso ai parchi
  • Pernottamento e prima colazione a Mombasa
  • Visite ed attività indicate nel programma
  • Safari in veicolo fuoristrada con tettuccio apribile e guida-autista parlante inglese
  • Pensione completa durante il safari
  • Assicurazione medico/bagaglio

Scarica la documentazione completa

Non include

  • Tasse aeroportuali di € 500 ( a seconda della compagnia aerea ), che verranno fatturate a parte al momento della prenotazione, prima della partenza.
  • Visto d’ingresso US$51
  • Bevande e pasti non indicati in programma
  • Extra personali e mance
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “Cosa include”

Cose importanti da sapere

Caratteristiche del viaggio

Informazioni generali sul viaggio

Scellino Keniota (KES)

Vaccinazioni

Il vaccino contro la febbre gialla è obbligatorio per tutti i viaggiatori che hanno anche solo transitato per più di 12 ore nell’ aeroporto di un Paese a rischio di trasmissione della malattia.

Queste indicazioni hanno scopo puramente informativo; per confermare l'obbligatorietà di eventuali vaccinazioni, si raccomanda di consultare il proprio medico.

Documenti e visti

E' necessario il passaporto, con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’ingresso nel Paese. E' altresì necessario il visto d'ingresso.

Numeri di emergenza

Polizia: 112/999/911

Prese elettriche

Viaggia senza pensieri

Scopri altri itinerari.

Discover Australia classic cover

Melbourne , Ayers Rock, Sydney, Adelaide, Kangaroo Island

Tanzania smart - Partenze speciali cover

Tour operator : World Explorer

Arusha, Parco Tarangire, Karatu, Parco Serengeti, Zanzibar, Arusha , Cratere di Ngorongoro

Namibia Overland cover

Windhoek, Sossusvlei, Swakopmund , Spitzkoppe, Epupa Falls, Opuwo

Vuoi ricevere contenuti speciali dal mondo dei viaggi?

Uccide la moglie e oltre 40 donne: arrestato serial killer in Kenya. I corpi smembrati avvolti in dei sacchi in una baraccopoli

La direzione delle investigazioni criminali keniana (dci) ha arrestato un uomo, collins khalisia.

Uccide la moglie e oltre 40 donne: arrestato serial killer in Kenya. I corpi smembrati avvolti in dei sacchi in una baraccopoli

Il mistero del ritrovamento di cadaveri di donne smembrate in una cava della periferia di Nairobi , in Kenya , potrebbe essere stato risolto. La Direzione delle investigazioni criminali keniana (Dci) ha arrestato un uomo, Collins Khalisia , che secondo quanto riporta Capital News , avrebbe confessato l'omicidio di 42 donne, negli ultimi due anni, ammettendo che la prima vittima è stata sua moglie, Imelda Judith Halenya .

DCI officers arrest Collins Jomaisi Khalisia, the prime suspect in the Kware murders pic.twitter.com/y5n2iwnpo3 — Kenyans.co.ke (@Kenyans) July 15, 2024

I corpi delle vittime in una baraccopoli

La scoperta dei corpi nella baraccopoli di Mukuru Kwa Njenga, avvolti in sacchi verdi, aveva alimentato diverse congetture, inserendosi nel contesto di un'impennata di casi di sparizioni misteriose e rapimenti nel Paese, in seguito alle proteste antigovernative che hanno provocato oltre quaranta morti.

Il presunto complice

quanti giorni per safari in kenya

Temptation Island, Christian ha perdonato Ludovica? L'incontro dopo le riprese

quanti giorni per safari in kenya

le più lette

quanti giorni per safari in kenya

1. WIMBLEDON

quanti giorni per safari in kenya

2. ROYAL FAMILY

quanti giorni per safari in kenya

3. IN CELLA

quanti giorni per safari in kenya

5. GLI ASTRI

quanti giorni per safari in kenya

Il Laboratorio della Passione Costa d’Oro: un temporary store tutto da degustare!

quanti giorni per safari in kenya

Scaloppine speck e provola, la ricettina easy per i tuoi pranzi veloci

Leggo e scrivo.

aggiornamenti

RIMANI CONNESSO CON LEGGO

Venezia ticket pass.

quanti giorni per safari in kenya

REGGIO CALABRIA

quanti giorni per safari in kenya

IL PERSONAGGIO

quanti giorni per safari in kenya

VITA D'AVVENTURA

quanti giorni per safari in kenya

I SUGGERIMENTI

quanti giorni per safari in kenya

LE STELLE DEL GIORNO

quanti giorni per safari in kenya

LE PIÚ CONDIVISE

quanti giorni per safari in kenya

Caldo killer, altri due morti in spiaggia: malori fatali sulla battigia, 5 vittime in nemmeno 24 ore in Italia

quanti giorni per safari in kenya

Incidente in Mercedes, quattro amici morti sul colpo: avevano tra 19 e 21 anni. Lo schianto contro un muro di cemento

quanti giorni per safari in kenya

Tre ragazze sbalzate dalla giostra "Top Spin": gravissima una 22enne, tra i feriti una bambina di 9 anni

quanti giorni per safari in kenya

Auto piomba sulla pattuglia della Polstrada mentre rileva un incidente: agenti feriti

quanti giorni per safari in kenya

«Ho venduto la mia collezione di carte Magic, un pezzo costa anche 10mila euro. Con i soldi ricavati ho comprato casa»

quanti giorni per safari in kenya

Giovanni Arigò morto nell'esplosione della fabbrica di fuochi artificio: aveva 42 anni, era il proprietario

quanti giorni per safari in kenya

Follia in spiaggia, scoppia una rissa tra donne per un lettino vicino alla riva: panico tra i bagnanti VIDEO

quanti giorni per safari in kenya

Shannen Doherty morta: da Luke Perry a Matthew Perry, la maledizione delle serie cult anni 90

quanti giorni per safari in kenya

Temptation Island, chiusura anticipata: svelate le date delle ultime due puntate. Ecco il motivo

quanti giorni per safari in kenya

IMAGES

  1. 3 Giorni

    quanti giorni per safari in kenya

  2. 5 Giorni

    quanti giorni per safari in kenya

  3. 7 Giorni

    quanti giorni per safari in kenya

  4. Safari in Kenya dove e quando andare in viaggio

    quanti giorni per safari in kenya

  5. Sette giorni safari

    quanti giorni per safari in kenya

  6. Safari Kenya 11 giorni

    quanti giorni per safari in kenya

VIDEO

  1. Jadi per Safari

COMMENTS

  1. Quando andare in Kenya: il periodo migliore per mare e safari in Africa

    Il periodo migliore per andare in Kenya, le stagioni e le temperature a Malindi e Nairobi, per pianificare la vostra vacanza e scoprire quando andare in Kenya.

  2. Safari in Kenya: 11 cose da sapere prima di prenotare

    Safari in Kenya quando andare. Il periodo dell'anno consigliato per fare un safari in Kenya va da luglio a marzo. I mesi da preferire sono luglio, agosto e settembre, sia per la notevole quantità di animali, sia per il paesaggio che assume un aspetto verdeggiante, quasi tropicale. (è appena terminata la stagione delle pioggie).

  3. Come organizzare un viaggio e Safari in Kenya: La guida completa!

    Il periodo migliore per organizzare un viaggio e per fare un safari in Kenya è quello che va da Giugno a Settembre circa. In questo periodo è possibile ammirare la grande migrazione degli gnu che dal Serengeti in Tanzania si spostano al Masai Mara in Kenya.

  4. Safari in Kenya: prezzi, quando andare e dove

    Periodo migliore. giugno/settembre per migrazione gnu Masai Mara; metà agosto/fine ottobre per vedere elefanti e rinoceronti al parco Amboseli; luglio/settembre e gennaio/marzo per osservare fenicotteri rosa al Lago Turkana; giugno/agosto e gennaio/febbraio per le zone costiere e spiagge. Periodo da evitare.

  5. Safari in Kenya: quando andare se vuoi viverlo al massimo

    Il periodo migliore per fare un safari in Kenya e ammirare le migliori specie animali è la stagione secca, da fine giugno a ottobre perché le precipitazioni sono più scarse o assenti.

  6. Safari in Kenya di 5 giorni: consigli e itinerario da non perdere

    Vi consiglio di provare il safari in Kenya di 5 giorni e 4 notti che fa tappa alle Taita Hills, al Parco Nazionale di Amboseli e al Parco Nazionale dello Tsavo (Ovest ed Est). Questo itinerario proposto da Safari Kenya 360 permette di scoprire il cuore dell'Africa.

  7. Kenya, itinerario di 10 giorni tra parchi, safari e mare

    Dal Masai Mara al Parco Amboseli, passando per riserve naturali e safari: ecco un itinerario di 10 giorni in Kenya, nel cuore dell'Africa.

  8. Quando Andare in Kenya? Clima e Periodo

    Se invece sognate un safari o visitare gli altipiani, è consigliato da giugno a settembre, o gennaio febbraio. I mesi più caldi, quando il sole è allo zenith, sono marzo e settembre. Andiamo quindi a vedere nel dettaglio il periodo migliore quando andare in base a meteo, clima e Kenya temperatura.

  9. Safari in Kenya, informazioni utili e periodo migliore

    In generale, però, il periodo ideale per un safari è quello che va da giugno a settembre, quando si può assistere allo spettacolo delle grandi migrazioni degli erbivori. Nei primi mesi dell'anno, invece, si può ammirare la migrazione degli uccelli.

  10. Il periodo migliore per andare in Kenya

    Il Kenya ha un clima che varia da zona a zona, ma il periodo migliore per andarci è sicuramente nei mesi di febbraio e marzo, durante la stagione secca, o tra giugno e settembre per trovare il meglio dei safari nelle riserve naturalistiche.

  11. Quando andare in Kenya: clima e periodo migliore

    In generale si può dire che il periodo migliore corrisponde ai mesi di gennaio e febbraio, durante la stagione secca, o tra giugno e settembre, momento in cui potrete ammirare la grande migrazione degli gnu dal Serengeti in Tanzania, nella riserva naturale Masai Mara.

  12. Safari in Kenya di 4 giorni: itinerario e consigli per il viaggio

    Dal Parco Tsavo al Lago Amboseli: ecco un itinerario imperdibile per un safari in Kenya di 4 giorni, nel cuore dell'Africa. Ammirare elefanti, leoni e altri animali selvaggi dal vivo, in un paesaggio che fonde a perfezione savana, laghi e rilievi montuosi, è un'esperienza da vivere almeno una volta nella vita.

  13. Safari in Kenya: clima, parchi nazionali e consigli di viaggio

    Qual è il periodo migliore per un safari in Kenya? 16 . Quale periodo evitare per un safari in Kenya? 17 . Come vestirsi e cosa portare in valigia per un Safari in Kenya?

  14. Safari in Kenya: quali animali vedere e dove osservarli

    Siccome era il nostro primo Safari in Kenya abbiamo deciso di dedicare sei giorni in tre delle maggiori riserve naturali presenti in Kenya: Masai Mara, Lake Nakuru e Amboseli.

  15. Quanto costa un Safari in Kenya? Come risparmiare senza sorprese!

    Vuoi fare un Safari in Kenya e sei alla ricerca di prezzi ed informazioni utili? In questo articolo, cercheremo di fornirti una panoramica completa sui costi per visitare i vari parchi del paese, aiutandoti a compiere la scelta migliore ed a tutelarti dalle insidie che potresti incontrare.

  16. Safari in Kenya: tutte le informazioni e cosa vedere

    La guida di Skyscanner al safari in Kenya: quando andare, dove andare, cosa vedere, come spostarsi, quale parco scegliere. Tutto ciò che serve sapere sui safari in Kenya.

  17. Come organizzare un safari in Kenya

    1. Guida pratica all'organizzazione del perfetto safari in Kenya. 2. Quale aeroporto scegliere per fare un safari in Kenya. 3. Quali documenti servono per viaggiare in Kenya. 4. Quali parchi visitare durante un safari in Kenya. 5. Combinare il safari con il trekking in Kenya. 6. Il mare dopo il safari in Kenya.

  18. I migliori 10 Safari in Kenya (Aggiornato 2024)

    Recensione di: Safari guidato di 3 giorni a Maasai Mara da Nairobi. Scritta in data 1 aprile 2023. Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.

  19. Itinerario perfetto 7 giorni in Kenya: dal Safari a Watamu

    Una tecnica molto comoda che può farvi risparmiare tempo e soldi. Ma vediamo subito il nostro itinerario di sette giorni in Kenya e tutte le attività svolte! Itinerario in Kenya di una settimana: come e dove fare safari. Velocemente farò un riepilogo del nostro itinerario in kenya andando poi a descriverli nel dettaglio nei successivi paragrafi:

  20. Migliori safari di 4 giorni in Kenya

    Che si tratti di una luna di miele o di un viaggio con i bambini, il Kenya è la meta perfetta per un primo approccio nel Continente Nero. In questo articolo vi sveliamo quali sono i migliori safari di 4 giorni in Kenya per vivere un'avventura indimenticabile.

  21. Viaggiare in Kenya: consigli utili su vaccinazioni e cosa portare

    Quando pianifichi un viaggio in Kenya, il momento migliore per partire dipende dalle tue preferenze e dalle attività che desideri fare. La stagione secca, da luglio a ottobre, è ideale per i safari, con la Grande Migrazione che offre uno spettacolo unico nel Masai Mara.

  22. quanti giorni per safari?

    Ciao a tutti, sto organizzando un viaggio in Kenya per fine agosto/inizio settembre, a disposizione due settimane (da sabato alla domenica di due settimane dopo). Non avendo ben chiaro il tempo per gli spostamenti da un parco all'altro e quanto.

  23. Viaggio in Kenya di 10 giorni

    Esplora le savane del Kenya, incontra la fauna selvaggia e vivi esperienze indimenticabili in un tour di gruppo organizzato. Avventura e cultura ti aspettano con Tramundi!

  24. Safari quanti giorni

    Safari quanti giorni. 8 anni fa. Salve a tutti, volevo chiedere se è fattibile fare un safari partendo da Nairobi fino alla costa in 5 giorni (mara-amboseli-tsavo east invece dei classici 7 giorni, escludendo lake nakuru e tsavo ovest) o risulta difficile per via del poco tempo e magari rischiare di non godersi i parchi ??

  25. Uccide la moglie e oltre 40 donne: arrestato serial killer in Kenya. I

    Il mistero del ritrovamento di cadaveri di donne smembrate in una cava della periferia di Nairobi, in Kenya, potrebbe essere stato risolto. La Direzione delle investigazioni criminali keniana (Dci)...